Arte, Cultura & Spettacoli

Milano celebra i 500 anni dalla morte di Leonardo

''Il meraviglioso mondo della natura prima e dopo Leonardo''

Il 2019 a Milano è l'anno di Leonardo: il genio da Vinci moriva infatti 500 anni fa ed è stato Palazzo Reale a dare il via alla  programmazione con "Il meraviglioso mondo della natura prima e dopo Leonardo",  fino al 23 giugno, che tenta di dire la novità da lui introdotta nella rappresentazione della natura e del mondo con le sue opere.

Lo ricordiamo soprattutto come grande inventore, ma la sua pittura continua a restare uno dei più grandi misteri della storia dell'arte. Un mistero di Bellezza Sublime  come testimonia la Dama con Ermellino dipinta tra 1488-1490. L'opera che ritrae Cecilia Gallerani è uno dei dipinti simbolo dello straordinario livello artistico raggiunto da Leonardo Da Vinci durante il suo primo soggiorno milanese, tra il 1482 e il 1499.

Una grande e fortunata mostra si è chiusa da poco a Firenze agli Uffizi. La mostra ''L’acqua microscopio della natura. Il codice Leicester di Leonardo da Vinci",  allestita nell’Aula Magliabechiana  si è chiusa con un grande risultato: durante il suo periodo di esposizione, dal 29 ottobre al 20 gennaio, gli Uffizi sono stati visitati da 383.987 persone, quasi 8000 in più (7817) rispetto alle presenze in museo nello stesso periodo dell'anno precedente.

La rassegna, curata dal direttore del Museo Galileo di Firenze Paolo Galluzzi  ha riportato in Italia a distanza di decenni il Codex Leicester di Leonardo, prestato eccezionalmente agli Uffizi nella sua interezza dal suo attuale proprietario, Bill Gates: 72 pagine del manoscritto, dedicato all'acqua nello studio dei suoi molteplici aspetti di elemento naturale, che il grande artista e scienziato vergò tra il 1504 e il 1508. Il Codex non tornava a Firenze dal 1982, quando fu protagonista di una grande mostra gratuita in Palazzo Vecchio.

Anche Milano ha pezzi importanti: la Pinacoteca Ambrosiana ospita l'esposizione "Il meglio del Codice Atlantico", che racconta il Leonardo ingegnere, architetto e scienziato, mostra che si protrarrà con diversi allestimenti fino a gennaio del 2020.

Da aprile a giugno 2019 alla Fondazione Stelline fari puntati invece sulle opere di artisti contemporanei ispirate al Cenacolo vinciano. A maggio 2019  al Castello Sforzesco sarà allestito un percorso multimediale alla scoperta dei luoghi leonardeschi"Museo virtuale della Milano di Leonardo" (dal 2 maggio 2019 al 12 gennaio 2020), cui seguirà  "Leonardo e la Sala delle Asse tra natura, arte e scienza" (dal 16 maggio al 18 agosto).

Per gli appassionati, una ghiotta e lunga occasione per approfondire il genio leonardesco.

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)

Articoli correlati