Attualità, Persone & Idee

Sorpresa, crescono le vendite a domicilio

Lombardia, Campania e Veneto in testa. Segue il Lazio

In epoca in cui le vendite online aumentano, si assiste alla resistenza di una vendita antica: il porta a porta o vendita a domicilio. Certo siamo diventati tutti allergici al campanello che suona ma ci sono ditte che vendono solo così e sono quindi sempre interessanti

Nella geografia della vendita diretta a domicilio, le regioni che salgono sul podio sono Lombardia (237 milioni euro), Campania (185 milioni di euro) e Veneto (154 milioni di euro). Nel Centro Italia, che vale il 15,5% del fatturato nazionale, il Lazio è la regione che esprime il fatturato più alto; la Toscana vale il 5,7% delle vendite, le Marche il 2,1%, l’Umbria l’1,4%. Nel complesso, Sud e Isole realizzano il 36,8% del fatturato (610 milioni di euro); seguono Nord Ovest (401 milioni di euro), Nord Est (353 milioni di euro) e Centro (293 milioni).

Lo rileva il Centro Studi Univendita he segnala la performance del Lazio, la regione che ha generato 134 milioni 103mila euro di fatturato per le aziende del settore, con 14.600 addetti alla vendita, pari al 9,2% del totale nazionale (158.000 addetti).

«Più della metà della forza vendita del Centro Italia opera nel Lazio. Il motivo, facilmente intuibile, è dato dal “peso” di Roma Capitale» dichiara Ciro Sinatra, presidente Univendita .

Univendita (www.univendita.it)  riunisce le più importanti ditte di vendita a domicilio (da Avon e Bofrost) e aderisce a Confcommercio. Rappresenta il 46% del valore dell’intero comparto della vendita diretta in Italia (fonte: Format Research, marzo 2017).

La vendita a domicilio è una professione che risponde alle esigenze di categoria molto trasversali: le donne apprezzano la flessibilità che consente di conciliare famiglia e lavoro, mentre tanti giovani alla prima esperienza e tanti over 50 che faticano a entrare, o rientrare, nel mercato del lavoro trovano nella vendita a domicilio un’opportunità interessante in cui gioca un ruolo determinante la capacità di relazione. Come dire: non solo web!


Autore: Angela Pagani

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)