Viaggi & Reportages

Il Natale brissinese

Dopo il Soliman ecco 'Natalie'

Bressanone, nominata ‘Città alpina dell’anno 2018’ per il particolare impegno nell'attuazione della Convenzione delle Alpi - ha puntato tra le prime in Italia sul videomapping, con luci, colori e musica sulle pareti della corte del Palazzo Vescovile (Hofburg), con la compagnia di artisti francesi Spectaculaires – Allumeurs d’Images, che già si sono cimentati con grandi show alla cattedrale Notre Dame di Parigi, al Duomo di Chartres e nella Bundesplatz di Berna.

Dopo ben oltre 100.000 spettatori tra 2015 -2016, il Natale 2017 è stato l'anno del Gran finale della Trilogia dell’elefante Soliman. Ed ora si continua. Fino al 6 gennaio 2018 va in scena “Natalie”, originale fiaba invernale ideata dagli artisti francesi di Spectaculaires-Allumeurs d’Images,  proiettata sulla facciata del palazzo vescovile tre volte al giorno: alle 17.30, alle 18.30 e alle 19.30, tranne la vigilia e il giorno di Natale.

E’ la storia raccontata in musica e luci di Natalie, giovane cameriera della Hofburg - interpretata dalle cantanti brissinesi Vicky Obermarzoner ed Elisa Pirone - che, intrappolata nella sua routine quotidiana, sogna una vita avventurosa fuori dal palazzo. Lo spettacolo multimediale è coinvolgente, l’attrice canta dal vivo e interagisce con personaggi animati proiettati a 270 gradi nel cortile interno della Hofburg. Info: www.brixen.org/natalie

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)