Attualità, Persone & Idee

Putin e Donald: attenti a quei due

Sta tornando la guerra fredda?

Ce la raccontano? Si amano? Oppure...si odiano? Dopo le ultime news torniamo all'ultimo G20  di un anno fa quando sono stati scomodati persino gli psicologi e gli esperti di linguaggio per valutare se dalle loro manifestazioni pubbliche, i due potenti della terra potevano rivelare lo stato "vero" dei loro rapporti. E  la BBC ha scelto di commentare l'incontro tra i presidenti Putin e Trump attraverso le competenze di una italiana: l’esperta di linguaggio del corpo Mary Sibillo che ha parlato di un comportamento da "maschi alfa".

Putin dimostrava una certa insicurezza, tradita dal fatto che evitava di guardare negli occhi il suo interlocutore. LTrump ha stretto la mano a Putin tenendogli il gomito e dandogli una pacca sulle spalle. Questo dimostra una mancanza di sicurezza anche da parte del presidente americano, che in questo modo ha cercato di dominare la situazione.

Le mani conserte di Trump volevano dire tranquillità e in molti han notato che invece Putin strofinava le dita. Nervosismo? Importante la postura e lo scambio di sguardi durante l'incontro a quattr'occhi.

Trump, preferiva guardare il pavimento, Putin invece lo guardava: forse cercava di capire l'interlocutore dalle sue reazioni. Tutti e due potrebbero quindi rivelato la tensione dell'incontro. E ancora: Putin stava seduto con le braccia appoggiate ai braccioli della poltrona per compensare la differenza di corporatura con il suo interlocutore, Trump ha assunto una postura da "macho", sporgendosi in avanti e tenendo gli avambracci sulle ginocchia.

Referto? Attenti a quei due. La Guerra Fredda era dietro l'angolo fin dal giorno dopo dell'elezione, con buona pace di chi continua a indagare sui rapporti tra i due in fase elettorale, con l'unico obiettivo di fare fuori la Clinton. Già: una donna.

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)