Viaggi & Reportages

Un castello all'Orizzonte

L'ottava edizione a Castello di Postignano maggio-ottobre 2019

Con la grande fotografia di un'artista-reporter di livello internazionale quale è Yann Arthus-Bertrand è stata inaugurata  l'ottava edizione di "Un Castello all'orizzonte" a  Castello di Postignano (PG). Il fotografo francese, presente alla vernice, ha raccontato come è nata la sua avventura intorno al mondo. Un viaggio che è diventato denuncia ed insieme battaglia in difesa dell’ambiente. Le immagini dal suo monumentale progetto di rappresentazione della Terra dall’alto, che lo ha portato in oltre 120 paesi occupa due spazi del meraviglioso borgo acquistato e restaurato da Gennaro Matacena, mecenate moderno innamorato dell'arte e della architettura. Il borgo è stato inaugurato nel giugno 2011 e il restauro è stato ultimato nel 2013. Ha retto perfettamente e senza alcun danno ai recenti terremoti grazie alla qualità antisismica del suo restauro.

Il festival, con il patrocinio della Regione Umbria, della Provincia di Perugia e del Comune di Sellano, offre al pubblico mostre di fotografia, concerti di musica classica, jazz e contemporanea, presentazioni di libri ed altro.Si svolge da maggio a ottobre 2019 presenta interessanti novità. L'aperitivo serale nel rinnovato scenario del Giardino delle Rose.

Una seconda mostra di fotografia di Francesco Jodice, che ha già esposto al Prado e alla Tate Modern, presenterà nel corso dell'estate le immagini di luoghi e paesaggi frutto della sua attenzione all’antropologia urbana e a nuovi processi di partecipazione. In agosto si terrà il tradizionale concerto di musica contemporanea di Michela Musco, soprano e grande esperta di chansonniers francesi, accompagnata al piano da Alfredina De Vincenzi, al sax da Alessandro Musco, alla chitarra da Elio Germani, con Riccardo Musco al cajon.

I concerti di musica classica vedranno Flavio Cucchi alla chitarra acustica; gli archi di Elinor Frey (violoncello), Marc Vanscheeuwijck (violoncello) e Patxi Montero (violone/viola da gamba); letture musicali con Alessandro Bistarelli (piano) e Diletta Masetti (voce); Simone Vallerotonda eseguirà musica per tiorba e chitarra spagnola.

Per il jazz saranno presenti il duo Mariano Bellopede (piano) e Nicola Rando (sax contralto); il gruppo The Sycamore, con Leonardo Radicchi (sax tenore), Andrea Angeloni (trombone), Alessio Capobianco (chitarra), Ruggero Fornari (chitarra), Pietro Paris (contrabbasso) e Lorenzo Brilli (batteria).

Guido Bolaffi, sociologo tra i massimi esperti in Italia di fenomeni migratori, editorialista dei principali quotidiani italiani, presenterà il suo libro di prossima pubblicazione; Teresa Severini Zaganelli illustrerà ''Il Museo del Vino Lungarotti'' a Torgiano e presenterà il volume “L’uva nel bicchiere. Guida gaia ai segreti del vino”.

Mariella Pandolfi introdurrà un video nel quale l’artista Marisa Albanese, pittrice, scultrice e fotografa, parlerà della sua poetica, delle sue creazioni e del suo approccio che mette al centro i temi del viaggio, delle migrazioni degli uomini, del mutamento e dell’interazione tra visione e gesto.

La School Academy Arti Orafe Jewellery di Firenze allestirà una mostra sulla propria attività, ormai più che trentennale, di formazione nella gioielleria contemporanea, esibendo lavori dei suoi allievi, che provengono da ogni parte del mondo, portando con sé preziosi elementi della loro cultura artistica.

Oltre alle iniziative sopracitate, il borgo ospita un workshop di decorazione floreale a cura dell'Ente Decorazione Floreale per Amatori, di Napoli (giugno); una master class di disegno tenuta da Michèle Delisle della Concordia University, Canada (giugno/luglio); mostre permanenti al borgo che possono essere visitate tutti i giorni dalle ore 10 alle 22:

Tutte le iniziative sono ad ingresso gratuito.

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Gallery

Commenti (0)