Gianluca Baronchelli

FuoriLUOGO

Gianluca Baronchelli

Fotografo e giornalista specializzato nella valorizzazione del patrimonio culturale, artistico e paesaggistico.
La sua storia con la fotografia inizia alla fine degli anni Settanta, quando Gianluca Baronchelli mette le mani sulla Voigtländer a telemetro del padre. E' il bianco e nero il primo terreno di sperimentazione. Negli anni Novanta l’incontro con Gabriele Basilico: il cammino prosegue e approda a un importante decennale di studio e di camera oscura. E siccome il cammino di un fotografo non si ferma mai, inizia l'era digitale.
Le sue foto e i suoi reportages vengono oggi pubblicati, tra gli altri, da National Geographic Italia, Archeologia Viva, Archeo, Medioevo. Per SENTIRE cura la rubrica fuoriLUOGO, storie minime di massima intensità.

 

Acconsento al Trattamento Dei miei dati Personali nel rispetto del decreto legislativo 196/2003.  Leggi »

Ultimi articoli pubblicati

{image:title}
Viaggi & Reportages

Lisbona è Tabucchi, Pessoa, Saramago. Lisbona è sardinha assada e bacalhau. È un caffè buonissimo. Lisbona è Alfama, vissuta culo a terra, sui gradini,...

{image:title}
Viaggi & Reportages

Un volo cancellato è un giorno perso. Oppure (eppure) l’endiadi di un gin tonic, in cui il tonic non ce la fa proprio a recitare la parte del protagonista. È un attimo...

{image:title}
Viaggi & Reportages

Davanti ci sono le alici, una nuvola argentea. Poi vengono i tonni. Dietro, i delfini. E pescare è così semplice, che ci riuscirebbe pure un contadino di Avellino. [Spiaggia...

{image:title}
Viaggi & Reportages

Lui bermuda e camicia regimental a maniche lunghe; lei indossa la gonna di Minnie, solo che a Minnie sta molto meglio. Brandiscono una lista, come al supermercato, al posto del sugo e...

{image:title}
Viaggi & Reportages

Perché un lavoro venga bene, ciascuno deve metterci qualcosa. Io ci ho messo la macchina fotografica, Kárâmát le olive. Abbiamo parlato di calcio, com'è...

{image:title}
Viaggi & Reportages

Dentro regna la penombra, gesti e mormorii sono sincronizzati sulla ieraticità dell’officiante. Fuori, il dio è il pallone, e la luce è quella che solo Otranto sa avere....