Attualità, Persone & Idee

Gino Strada e il sogno di diventare inutile

Quando l'utopia diventa regola

E' bella l'utopia di Gino Strada: diventare inutile. Emergency è tutta in questo sogno: che la guerra scompaia, venga abolita - come auspicava Einstein nel manifesto del 1955. Ma la sua parola di medico impegnato nei teatri di guerra vale anche per la sanità di casa nostra.

"Va costruito un sistema dove la sanità è uguale per tutti, non quello schifo che è oggi, pieno di profitto, di ruberie e di cose inutili. La sanità è un bene fondamentale: cosa ci vuole a fare una buona sanità di qualità  gratuita per tutti? Anche per quegli 11 milioni che non si curano più, 11 milioni di fantasmi. In molti posti italiani la sanità è indecente ma ci sono quelle cosidette eccellenze private che io chiuderei nell'arco di 24 ore".

Al Teatro Sociale gli è stato chiesto di raccontarsi ma in controluce è venuto fuori il combattiero. La prima partenza per il Pakistan, 30 anni fa.

"La prima volta sono partito per il Pakistan, era il 1987 e sostanzialmente avevo deciso di andare, per curiosità, in una realtà che non conoscevo. Sono rimasto profondamente impressionato e ho deciso di ripartire. Curare i feriti in guerra diventa una droga: perché un chirurgo in più o in meno può fare la differenza e io volevo fare la mia parte. Non ho più smesso".

Ricordando le parole della moglie e prima presidente di Emergency, Teresa Sarti Strada fa capire che combattere per cose giuste non è essere o voler essere eroi, ma fare il mondo migliore.

"Lei aveva un'umanità straordinaria. Di fronte alle conseguenze della guerra, diceva che in quei bambini vedeva sua figlia. E questo le dava forza. Aveva sempre energia" - ricorda Gino Strada. "E non credeva negli eroi. Anzi: diceva che se ognuno facesse il suo pezzettino, ci ritroveremmo in un mondo migliore senza nemmeno accorgercene"

E lui può dire di aver davvero fatto ciò che dice e predica: una sanità equa, gratuita, di qualità e socialmente responsabile che si prende cura anche delle famiglie di coloro che rimangono colpiti dai conflitti armati, si preoccupa dell'inserimento delle donne in attività professionali in paesi dove non è scontato.  Emergency è proprio questo e con quanto raccoglie porta strutture e interventi di alto livello in tutto il mondo.

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Gallery

Commenti (0)