Viaggi & Reportages

Food e design made in Norvegia

Al Salone del Mobile ''Join By Norvegian Presence''

(Milano - Laura Perolfi) - La Norvegia ha venti gelidi, mare freddo, clima rigido, è davvero un luogo inospitale per l'uomo, ma è anche il trionfo della natura ed è qui che si formano i pionieri dell'acqua coltura. E' quanto  Trym Gundersen, Direttore del Nowegian Seafood Council, ente parastatale per la promozione e  tutela dei prodotti ittici in italia, ha raccontato in una serata dedicata a cultura, design, prodotti ittici e turismo norvegese svoltasi a Officine Savona in occasione del  Salone del mobile. Join By Norvegian Presence ha presentato artisti, designer e produttori di mobili hanno mostrato geniali soluzioni tra arte, design e sostenibilità. E naturalmente il food norvegese.

Stoccafisso, merluzzo e salmone sono prodotti ittici per i quali andare davvero fieri. Guidati dall’istinto, grandi quantità di merluzzo abbandonano le profondità del Mare di Barents per dirigersi verso le zone di riproduzione dove sono nati, al largo della costa della Norvegia del Nord. Questi merluzzi, percorrono circa 1000 km in gelide acque turbolente. Questo eroico viaggio dona loro una carne eccezionale, insuperabile per gusto e consistenza, che si sfalda in magnifiche lamelle carnose.

Lo Skrei è lo stoccafisso, il merluzzo secco, uno dei primi prodotti di esportazione della Norvegia; il suo arrivo ogni anno ha permesso ai norvegesi di sopravvivere nei territori settentrionali anche quando altre fonti di cibo scarseggiavano. Pescato in modo sostenibile, quindi non si induce energia,  sono sole e  vento a farlo  seccare seguendo metodi e ricette utilizzate mille anni fa.

Non tutti i tipi di merluzzo possono avere la denominazione Skrei, perchè è riservata solo a chi per caratteristiche particolari di qualità, rientra in un rigido protocollo che la Norvegia ha stabilito a salvaguardia della qualità del  prodotto che viene esportato in tutto il mondo, buona parte del quale arriva anche in Italia.

Elisabeth Ones, Direttrice dell'Ufficio per il Turismo Norvegese, ringraziando i partners di DOGA, fondazione del Ministero di Commercio e Industria che promuove il design e l' architettura  norvegese all'estero, e i colleghi di Innovation Norway spiega che “Join by Norvegian presence" è un invito a fare sistema, per un futuro sostenibile. Visit Norway rappresenta una destinazione sempre più innovativa, con esperienze basate sulla cultura  per la natura e la sostenibilita, e noi - continua la Direttrice - intendiamo collaborare con tutti quei settori, che creano esperienze per far si che l'unione tra turismo, arte, design si sviluppi secondo principi di sostenibilità”. Tema ormai di grande attualità e di rilievo, non soltanto per la Norvegia.

Giuseppe Passino ha curato l' introduzione al gusto, assaggi  di  prelibatezze norvegesi in finger food. Ed ecco il Mini bread ball di pane ai cereali con stoccafisso norvegese reidratato in 30 minuti di acqua corrente, cotto in umido alla ligure con pinoli e verdure.

Gustosa l'insalata di stoccafisso con patate, sedano olive taggiasche e pomodorini essicati. E poi i mini burger di merluzzo Skrei con melanzane grigliate alla menta, burrata e panna acida.  Non può mancare il salmone, servito marinato e cotto a bassa temperatura per garantire non solo le gustose caratteristiche, ma anche il delicato colore rosa. Delizioso se accompagnato  con insalata di cavolo viola  e riso tailandese al profumo di lime. 

Al Norway Restaurant anche  la Tartare di salmone norvegese con uova di salmone pomodorini e chips croccanti al wasabi, i mini cheese cake alla barbabietola. E... tanto tanto sapor di Norvegia.

www.visitnorway.it


Autore: Laura Perolfi

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Gallery

Commenti (0)