Viaggi & Reportages

Merano Winefestival: premi, eventi e alta qualità

In archivio la 26^ edizione: 10.000 presenze

Calato il sipario della 26^ edizione si festeggiano i risultati: 10 mila presenze tra visitatori, produttori e giornalisti. Le date 2018 sono state già definite: dal 9 al 13 novembre 2018 tornerà l’esclusiva e internazionale kermesse enogastronomica che riesce sempre a sorprendere per qualità e innovazione.

Il 26° Merano WineFestival ha fatto il pieno di degustatori, buyers e curiosi, ma anche di stampa specializzata e di operatori dell'enogastronomia e del turismo. Il periodo scelto (10-14 novembre 2017) è quest'anno più ampio ed il patron Helmuth Köcher (nella foto di copertina)   ha voluto introdurre diverse novità per la kermesse più attesa dell’anno, consapevole della potenza di questa macchina che ha generato l’anno scorso un indotto turistico di circa 8 milioni di euro tra Merano e provincia.

Tanta gente lungo la “Passer Promenade”, la famosa passeggiata a fianco del fiume Passirio amata dalla principessa Sissi, dove la GourmetArena ha attratto il pubblico grazie ad una accurata selezione di prodotti tipici nazionali ed internazionali: non solo vino, ma olio, birre artigianali di alto livello, formaggi e salumi. Coppini Arte Olearia l'unica azienda produttrice di extra vergine partner del Padiglione Italia di Expo 2015 ha portato le sue eccellenze. Esporta in tutto il mondo e garantisce tracciabilità, dalla raccolta alla frangitura. Ottimo il suo olio al mandarino.

Tra formaggi (come l'ottimo Piave stagionato di Lattebusche, da accompagnare ad un buon prosecco) e prosciutto di Parma, è il vino a farla da padrone. All’edizione del 2017 del Merano WineFestival sono 450 le case vitivinicole, tra le migliori in Italia e nel mondo, quasi 200 artigiani del gusto e 15 cuochi di spicco. Alla Kurhaus il Wine Italia conta 800 vini italiani e un percorso fra i differenti territori vinicoli da nord a sud. La sezione Wine International ospita invece 250 vini dalla Spagna all’Argentina, dal Libano al Sud Africa, dall’Austria alla Crimea.

Helmuth Köcher dopo un anno dedicato alla valutazione di oltre 4.000 prodotti Food&Wine e la selezione di 2.000 etichette inserite nella guida “The WineHunter Award” ha assegnato l’Award Platinum, il riconoscimento più ambito dell’intero Merano WineFestival. E’ stato incoronato il toscano Palazzi IGT annata 2015 di Vini Franchetti Tenuta di Trinoro. Andrea Franchetti ha ritirato il premio al termine della proiezione del documentario dedicato al NOMA, il ristorante di Copenhagen nominato per quattro anni il migliore del mondo; il precursore del “vino naturale” e dei cibi fermentati.

E’ invece lo chef stellato Luis Haller il vincitore del Premio Godio 2017, istituito nel 1994 in memoria del grande chef Giancarlo Godio. La premiazione si è svolta nella Cooking Farm in piazza della Rena a Merano. Originario della Val Passiria, 39 anni, Luis Haller scopre la sua passione per l’arte culinaria fin da giovane. Oggi lo chef stellato lavora al Schlosswirt Forst a Lagundo con entusiasmo e competenza proponendo una cucina basata sulla ricerca e innovazione, ma sempre nel rispetto della tradizione.

Cooking Farm quest'anno è stata il fulcro della Chef Arena, con importanti chef di livello internazionale a confronto con le contadine altoatesine, depositarie della cultura culinaria locale.  Tra loro Alessandro Gilmozzi, chef patron del ristorante El Molin di Cavalese, che si è esibito nella cooking farm portando la sua testimonianza di patrimonio gastronomico alpino: resine e altri prodotti del bosco di cui fa ampio uso nei suoi piatti.

Al festival c'è anche una azienda storica: la Carpenè Malvolti storica Casa Spumantistica di Conegliano - ormai prossima a celebrare il 150° anniversario che ha portato in degustazione tutte le principali etichette della fascia Superpremium.

Ma non sono meno interessanti le birre. Come la Riserva Speciale Amarcord: colore ambrato con riflessi caramello, una birra unica dai sapori speziati ottenuta con frutta e miele, fermentata in bottiglia con lieviti di champagne. E' una birra celebrativa ideale per il pasto come per aperitivo. "Anche col pesce" ci suggeriscono al banco degustazione. Amarcord è una azienda nata nel 2007 che ha scelto con cura la sua acqua spostando la produzione ai piedi della fascia appenninica. Grazie a collaborazioni importanti come quella di Tonino Guerra e di Garrett Oliver mastro birraio, è stato costruito un packaging interessante ed una gamma di sapori affascinante. 

Nella sua ultima giornata il festival ha proposto Catwalk Champagne, una “sfilata” nella Kursaal Merano di alcune fra le migliori Maisons de Champagne. Interessante l'incontro all'Hotel Terme Merano dove Domenica Gullì, Soprintendenza Beni Culturali Agrigento, ha narrato la storia del vino sostando sui reperti trovati a Sciacca (Agrigento) che dimostrerebbero che la storia del vino in Italia risalirebbe già a 6.000 anni fa. Nella giornata prologo al festival, ai Giardini di Castel Trauttmansdorff si era svolto il convegno “Naturae&Purae”, occasione per parlare del vino del futuro (sempre più bio), sostenibilità, naturalezza e purezza. Architecture&Wine ha invece proposto un aspetto peculiare: l'architettura in cantina, specie se sostenibile svoltosi in collaborazione con Fondazione Architettura Alto Adige.  Ha richiamato circa 150 architetti altoatesini, svizzeri, austriaci, tedeschi. Perchè non c'è vino senza etichetta e non c'è cantina senza il fascino architettonico che questo luogo sa produrre.

Un'atra bellissima idea di mister Helmuth Köcher. Ora l'attesa è di un anno, 12 mesi di “caccia” dell’instancabile The WineHunter dedicati alla ricerca, alla scoperta e all’attenta valutazione di oltre 4.000 etichette di vini e prodotti gastronomici selezionati per qualità. E intanto crescerà anche il progetto Vino Fico Festival (in fase di definizione) che si terrà nella Bottega del Vino di Fontanafredda a Fico, la Disneyland del cibo di 100mila metri quadrati inaugurata a Bologna il 15 novembre.


Autore: Corona Perer

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Gallery

Commenti (0)