Arte, Cultura & Spettacoli

Rodin, scultore al tempo di Monet

A fine Ottocento la scutura è l'ultimo baluardo dei conservatori

(fotoservizio:  www.giornalesentire.it) - Auguste Rodin fu un grande scultore in un periodo in cui stava stava accadendo una rivoluzione: quella di Monet, Degas e Gauguin. La pittura cambiava stilemi e si preparava ad una stagione irrepetibile Degas spia le sue figure femminili in ambiente domestico, intente alla toilette o in pose poco aggraziate, lo stesso fanno Renoir e Gauguin. Alla fine dell'Ottocento la scultura (e Rodin era certamente il più importante artista a praticarla in quel periodo), costituiva l'ultimo baluardo rimasto all'establishment conservatore dell'arte accademica. Rodin fu certamente un artista ingmbrante in quel periodo. Gli venne chiesto di fare il monumeno a Balzac e per lui iniziò un travaglio interiore. Dopo mote prove l'artista sceglie di raffigurare lo scrittore dentro un abbondante mantello/vestaglia. L'opera divise la critica parigina e  causò tante amarezze al suo autore.

"La scultura non è fotografia, io ho rappresentato l'idea di Balzac" disse Rodin che rinunciò alla commessa pubblica e si portò la statua nel giardino di casa. Lo riteneva il suo capolavoro e per scolpirlo ci aveva messo 8 anni di studi.

La mostra "Rodin scultore al tempo di Monet" ha mostrato a Treviso al Museo di Santa Caterina nel 2018 a chiusura delle celebrazioni per il primo centenario della scomparsa di Auguste Rodin (1840-– 1917), una selezione di opere del volitivo scultore, grazie alla collaborazione con il Musée Rodin di Parigi, Comune di Treviso e la curatela di Marco Goldin .dopo le grandi esposizioni di Parigi e New York.  Treviso era stata  l'unica città italiana ad essere scelta per chiudere le celebrazioni che in tutto il mondo hanno ricordato i 100 anni dalla morte di Rodin.

Tutte le tappe del percorso artistico di Rodin, con il grande interesse per Michelangelo e per il Rinascimento italiano sono state rappresentate insieme al suo timbro stilistico: la forza e il pensiero di Rodin, l'azione sulla materia che sia marmo o il gesso che precede la fusione in bronzo. Capolavori fondamentali come il ''Bacio'' (immagine della mostra), il Pensatore,  l’'Uomo dal naso rotto e - appunto - il Monumento a Balzac.


Autore: Corona Perer

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Gallery

Commenti (0)