Attualità, Persone & Idee

Adotta un albero, raccolta di aiuti per il Parco delle Terme

Bastano 10 euro per partecipare e ricostituire il patrimonio

Il maltempo del 29 ottobre scorso ha ferito e sfregiato anche il Parco Storico delle Terme   simbolo della città di Levico Terme, un parco  che copre un’area di 12 ettari e ospita piante monumentali. Molte piante secolari sono schiantate e pertato con ordinanza comunale il parco è stato chiuso. Il forte vento si è portato via bellissimi faggi e platani di più di cinquant’anni, cedri e tuie ottantenni oltre ad alcuni abeti monumentali e pini di centenari, tra i quali il raro Pinus sabiniana nordamericano. Alberi che abitavano il Parco da decenni.

 Sono caduti 130 alberi monumentali, molti dei quali secolari. Un disastro. "Faremo tutto il possibile per garantire il regolare avvio dei mercatini di Natale, cui farà seguito, all'inizio del 2019, un grande programma di reimpianto. Un grazie all'amministrazione comunale e a tutte le persone che ci sono vicine" si legge nella pagina FB dove sono state pubblicate anche le foto degli schianti > guardale qui .

Dopo lo choc iniziale si è passati all'azione: per garantire la regolare apertura del mercatino di Natale siamo riusciti a ripristinare gran parte dell'area. Adotta un Albero nasce innanzitutto per contribuire al reimpianto degli alberi dello storico Parco delle Terme, ma anche per trasmettere un importante messaggio: l’albero è un patrimonio, l’albero è vita.

E' già stato definito un massiccio programma di reimpianto. Chi vuole collaborare alla rinascita del parco, può aiutare donando € 10,00 e adottando un albero. Le somme raccolte saranno utilizzate esclusivamente per l’acquisto degli alberi. Gli alberi che saranno ripiantati sono: Faggio, Albero dei tulipani. Acero zuccherino,Cedro dell’Himalaya

E' possibile partecipare alla donazione di €10,00:
• recandosi presso l’Ufficio Info dell’APT Valsugana (Viale Vittorio Emanuele – 38056 Levico Terme), presso la Casetta Info del Mercatino di Natale (nei soli giorni di apertura del Mercatino).
• compilando il format presente sul sito www.visitlevicoterme.it, nella sezione dedicata ad Adotta un Albero.
• versando l’importo di 10 euro sul c.c.
ADOTTA UN ALBERO
IT08H0817834940000018157920
Info e regolamento: www.visitlevicoterme.it/adottaunalbero

Sarà consegnata o spedita una cartolina, per ringraziare ciascuno del proprio contributo. Il conto bancario è stato appositamente creato per il progetto e gentilmente offerto dalla Cassa Rurale Alta Valsugana. Le somme raccolte saranno utilizzate esclusivamente per l’acquisto degli alberi.
Sarà richiesto, con scelta discrezionale, l’indirizzo mail di ciascun donatore per poter successivamente inviare una piccola relazione su quanto raccolto, acquistato e realizzato.

Il Parco fu creato agli inizi del '900 sull’onda dello sviluppo del termalismo a scala europea con specie autoctone ed esotiche ed aiuole che sono state sempre perfettamente curate. Una bellezza che fece di questa località la meta prediletta di vacanze della nobiltà austro-ungarica. Per questo Levico fu elevata al rango di città con editto imperiale.

Il Parco dal 2016 rientra tra i 22 “Grandi Giardini Italiani”, 134 in 15 regioni. Bellezza, alto livello di manutenzione e apertura alle visite sono i requisiti fondamentali per far parte della rete “Grandi Giardini Italiani”, una vera e propria comunità fatta di proprietari, curatori, storici dell'arte, giardinieri, agronomi, guide e di un innumerevole elenco di professionisti del verde che collaborano per la manutenzione e valorizzazione di un patrimonio botanico che è unico al mondo.

Per l'estate 2018  il parco è stata la cornice di una serie di concerti pensati per portare i suoni del mondo fra gli alberi e i fiori e da poco era stato inserito nel travel book di Trenitalia grazie ad un accordo con  “Grandi Giardini Italiani” nell'ambito di un programma per valorizzare il patrimonio botanico e naturalistico italiano, individuando giardini e parchi raggiungibili con il mezzo di trasporto più ecologico e conveniente, per un turismo sempre più sostenibile.

Ora il problema è ricostituire la bellezza di cui Levico era orgogliosa depositaria.

 

Apt Valsugana  
info@visitvalsugana.it

Facebook: Visit Levico Terme
Instagram: @visitlevicoterme

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Gallery

Commenti (0)