Attualità, Persone & Idee

L'orrore si combatte con una nuova cultura

di Marco Guzzi*

Un'altra strage di innocenti. Ancora una volta assistiamo all'orrore, agli stermini dei civili, alla follia omicida che infetta l'uomo nel più profondo del suo essere.
C'è una terza via tra l'impotenza di fronte al crimine  e la consueta risposta interessata, altrettanto omicida, e quasi sempre dannosa della ritorsione?

La via c'è, ma è e sarà lunga, non dobbiamo farci illusioni: si tratta di edificare una nuova cultura e dare vita ad una politica planetaria radicalmente rinnovata, postbellica, sostanzialmente spirituale.
Questa è la nostra resistenza, operativa, per nulla inerte: rovesciare la fonte bellica nel nostro cuore, creare gruppi consapevoli di questo straordinario passaggio di umanità in atto, operare ai livelli possibili con la persuasione, la ragione, e l'invisibile azione dello Spirito.
Per ora non vedo altro, ma non credo affatto che sia poco.

*filosofo


Autore: Marco Guzzi

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)