Attualità, Persone & Idee

Asolana, l'evoluzione della stampa

Storie d'impresa - di Corona Perer

Pare impossibile ma i caratteri mobili per la stampa si sono usati fino alla fine degli anni ’60. Fino cioè all'altro ieri. Oggi la tecnologia si avvale di macchinari ad altissimi standard qualitativi. Uno strumento sofisticatissimo e ipertecnologico, con tecnologia H-UV di brevetto giapponese consente ad esempio la stampa su carta e supporti speciali, con asciugatura immediata e particolari effetti di lucido e opaco colori brillanti anche su carte naturali. Grazie a questo sistema è possibile realizzare effetti particolari e unici e stampe di qualità per prodotti di altissima rifinitura e pregio. Ce ne sono solo 5 in Italia, e uno di questi è stato acquisito da Asolana group, azienda veneta (con sed ad Asolo - Tv) che in questi giorni ha compiuto 50 anni. Un cammino, il suo, in cui la bellezza del prodotto a stampa  è stata accompagnata anche da una forte sensibilità culturale.  L'azienda, un tempo artigianale e oggi industria prestigiosa, si è distinta per il suo impegno a sostegno del patrimonio artistico con progetti importanti.

A Venezia, Asolana, ha realizzato il restauro delle tre statue dei Santi Marco, Pietro e Polo della facciata di Palazzo Ducale. Asolana group ne ha finanziato il restauro e per sostenerle, nel 2008 si è inventata la prima cartolina multimediale con brevetto europeo, il cui ricavato di vendita è stato interamente destinato al restauro delle statue. Le tre statue restaurate, sono ora collocate nelle sale del Museo dell’Opera a piano terra di Palazzo Ducale dove hanno ripreso la loro funzione di protettrici della città.

Più recentemente, si è concentrata sulla realtà culturale più importante del suo territorio la Gypsotheca e Museo Antonio Canova di Possagno (TV). La collaborazione è in atto da anni ma dal 2017 i rapporti si sono intensificati a seguito del progetto Canova Experience che Asolana group ha creato per il sito di Possagno. Canova Experience è una innovativa piattaforma di comunicazione integrata che contribuisce alla conservazione e valorizzazione del patrimonio custodito cambiando la visita al museo in un’esperienza di formazione immersiva e interattiva attraverso approfondimenti digitali, virtual tour e scansione delle opere in 3D. Per preservare dai danni del tempo e renderlo consultabile a studiosi ed esperti, è stato digitalizzato l’importantissimo l’archivio storico dell’artista conservato nella casa natale. Il Museo di Possagno con Canova Experience è di fatto diventato interattivo e multimediale.

In occasione della mostra Canova George Washington (clicca qui), attualmente in corso alla Gypsotheca, Asolana group ha pensato a “Washington Experience percorso multimediale in schermi multitouch che racconta la storia dell’esecuzione dell’opera, dalla commissione del 1816 fino al più recente restauro del modello originale in gesso avvenuto nel 2018.
Un know-how che ha permesso all'azienda di entrare nella ristretta selezione di imprese che l’Università di Venezia Ca’ Foscari ha indicato come esempio di aziende creative nel Convegno Internazionale “Creatività arte e cultura per la competitività delle imprese venete” svoltosi a febbraio 2018.

La celebrazione di questi primi 50 anni di imprenditoria è in controluce – quindi – anche la storia dell'evoluzione della stampa. Anni non facili da quel 1968 in cui Renato Zanesco nel 1968 fondava il suo laboratorio artigianale in pieno boom industriale, anni che hanno superato le onde della crisi economica in cui le sfide di mercato sono state affrontate con l'innovazione e un passaggio generazionale (Marco e Andrea figli di Renato, sono subentrati al padre nella guida dell’azienda, dal 2015 Marco ne è l’Amministratore Delegato mentre Andrea è Responsabile della produzione).

Oggi Asolana è un  gruppo che  manda in stampa circa 800.000 fogli, ha un portfolio di circa 3.000 clienti e un fatturato che nel 2017 è stato di 3,5 milioni di Euro ed è stimato 4 milioni di Euro per il 2018.
Un'azienda che è di fatto ambasciatrice del made in Italy perchè i grandi marchi italiani dall’illuminazione all’arredamento, dalla moda al design realizzano i loro cataloghi avvalendosi delle risorse tecniche e umane del gruppo veneto, sensibile oggi a stampare secondo i dettami dell'economia circolare con materiali riciclati eco-sostenibili a basso impatto ambientale.

La sfida, insomma, continua.

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Gallery

Commenti (0)

Articoli correlati