Arte, Cultura & Spettacoli

Tempo di ''Giudizi Universali''

Una nuova proposta di Trento spettacoli

Un esperimento teatrale tra azione scenica, pubblico e contesto ambientale. Uno spettacolo modulare e itinerante - realizzato appositamente per gli spazi dell’Auditorium Melotti di Rovereto e riservato a 70 spettatori alla volta.

Composto da quattro “stazioni” teatrali che si snodano in quattro spazi diversi, “GIUDIZI UNIVERSALI”, è unospettacolo che nasce dall’incontro di due compagnie del territorio come TrentoSpettacoli ed Evoè!Teatro – realtà artistiche con base rispettivamente allo Spazio Off di Trento e allo SmartLab di Rovereto – con il progetto “Teatro-Giornale” del drammaturgo italiano Roberto Cavosi.

Autore e regista meranese, Cavosi è da anni attivo a livello nazionale ed è autore di pièces di successo. Nella sua carriera ha lavorato con registi di primo piano quali Luca Ronconi, Luigi Squarzina e Aldo Trionfo.
   
I Quattro “quadri”, sono diretti ognuno da un regista diverso: due provenienti dalle compagnie che hanno aderito al progetto - Maura Pettorruso per TrentoSpettacoli e Clara Setti per Evoè!Teatro – e due esterni, i milanesi Stefano Cordella e Giacomo Ferraù. Ad alternarsi nelle quattro rappresentazioni, gli attori delle due compagnie trentine: Emanuele Cerra, Stefano Detassis, Marta Marchi, Maura Pettorruso e Clara Setti.

I temi spaziano dalla solitudine contemporanea alle maschere che indossiamo per promuovere una riflessione sull’Io e sulle sue complessità, il tempo, la verità la finitezza del desiderio.  “GIUDIZI UNIVERSALI” che ha esordito al Melotti di Rovereto con una doppia rappresentazione il 20 e 22 aprile è uno spettacolo realizzato con il sostegno di: Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto, Provincia Autonoma di Trento, Comune di Trento, Comune di Rovereto, Spazio Off Trento, Opificio delle Idee Rovereto e Caffè Bontadi Rovereto.

 

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)