Arte, Cultura & Spettacoli

La Collezione San Patrignano alla Triennale di Milano

Per il 40° della Comunità mostra itinerante

Le opere affrontano i temi al cuore della comunità di San Patrignano: l’emarginazione, il disagio sociale, l’accoglienza, la rinascita. La Triennale di Milano ospita dal 16 marzo al 2 aprile 2018 la prima tappa della mostra itinerante “La Collezione San Patrignano. WORK IN PROGRESS”, raccolta di opere di artisti contemporanei donate alla Comunità di recupero da collezionisti, gallerie e dagli artisti stessi,  nel 40° anno dalla sua fondazione.

Il progetto nasce per celebrare la storia del centro fondato da Vincenzo Muccioli nel 1978,  ne intende garantire il futuro attuando uno strumento di sostenibilità innovativo. In Italia si tratta del primo episodio di endowment sul modello anglosassone che permetterà a San Patrignano di avere una risorsa patrimoniale in caso di futuri investimenti strutturali.

La collezione contemporaneariunisce artisti di grande valore tra i quali: Mario Airò, Vanessa Beecroft, Sandro Chia, Shilpa Gupta, Emilio Isgrò, Igor Mitoraj, Davide Monaldi, Mimmo Paladino, Tullio Pericoli, Diego Perrone, Michelangelo Pistoletto, JEttore Spalletti, Velasco Vitali, Silvio Wolf e molti altri protagonisti del '900 e della contemporaneità.

La Collezione sarà protagonista di una presentazione itinerante, che dopo la Triennale di Milano, la vedrà successivamente al Museo MAXXI di Roma, per approdare poi definitivamente a Rimini nel 2019 nel nuovo sito museale della città.

Il nuovo museo sarà realizzato nel cuore della città, in due monumentali edifici, di grande rilevanza storica e artistica, ma anche altamente simbolici: il Duecentesco Palazzo dell’Arengo e il Trecentesco Palazzo del Podestà.

 “In questi anni è stato fatto tantissimo da San Patrignano nella direzione della sostenibilità economica della Comunità e della sua gestione – ha commentato Letizia Moratti, co-fondatore della Fondazione San Patrignano, aggiungendo - Con questo nuovo progetto abbiamo però inteso fare un ulteriore passo avanti pensando a possibili investimenti di natura straordinaria, così importanti per lo sviluppo delle attività e per il mantenimento delle attuali strutture, che già oggi accolgono gratuitamente oltre 1300 giovani in percorso.

La raccolta museale sarà auspicabilmente nutrita e arricchita in futuro da altre donazioni di opere d’arte, in sintonia con i valori di San Patrignano. Il 40° anniversario rappresenta una ricorrenza importante nella quale la comunità immette nuova energia nel percorso verso la piena sostenibilità finanziaria, per proseguire permanentemente la propria attività a servizio di chi ha più bisogno. Una lunga via che, in questa occasione celebrativa, ha incrociato la finalità dell’Amministrazione Comunale di Rimini impegnata già da anni nella valorizzazione del patrimonio cittadino.

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Gallery

Commenti (0)