Attualità, Persone & Idee

Uomini che uccidono le donne

Violenza sulle Donne, il fenomeno è planetario

(foto di copertina: Lucia Baldini) - Conosciamo la parola feminicidio e la riteniamo non solo tipico della nostra società ma frutto di una cultura maschilista che affonda le sue origini su modelli educativi, che spesso finiscono per mettere le donne fra le stesse imputate. Il fenomeno purtroppo non ha latitudini, ma in Italia è emergenza.

Oggi l'ennesima tragedia:  un uomo (ai domiciliari) è evaso per compiere un centinaio di chilometri per andare a uccidere la ex, dandole fuoco davanti alla scuola dove ha appena portato il figlio. L'uomo, rende noto la Questura di Reggio Calabria, è  in fuga. La donna ha riportato gravi ustioni ma non sarebbe in pericolo di vita.

Questa donna aveva denunciato, aveva cambiato vita. Non è bastato. Significa che  dobbiamo tutti (uomini per primi) essere protagonisti di una rivoluzione culturale che deve rieducarci ai sentimenti (come dice Massimo Recalcati) e porre fine alle malate logiche del possesso e del potere che sono poi anche logiche di controllo del pensiero.

Ma purtroppo - come detto - accade ovunque. E' notizia di queste ore che in Iran le autorità hanno inasprito la repressione sulle donne che protestano pacificamente contro l’obbligo del velo. Il caso più grave è quello dell’avvocata per i diritti umani Nasrin Sotoudeh, condannata a 33 anni di carcere e a 148 frustate in parte anche per la sua opposizione all’obbligo del velo.

Sotoudeh è stata condannata, tra l’altro, per “incitamento alla corruzione e alla prostituzione” e “commissione di un atto peccaminoso essendo apparsa in pubblico senza il velo”. Queste alcune prove a sostegno delle accuse: essersi opposta all’obbligo del velo, aver effettuato visite in carcere senza il velo, aver assunto la difesa di donne che avevano protestato contro l’obbligo del velo, essersi fatta intervistare sui violenti arresti e sull’imprigionamento di donne che avevano protestato contro l’obbligo del velo e aver collocato fiori nel luogo dove una donna era stata violentemente arrestata.

Due casi che lasciano senza parole. Due donne ancora vive, ma è come se fossero già morte. Dietro a loro un scia di molte altre donne che invece non ce l'hanno fatta. Una scia troppo lunga, davvero inaccettabile.


Autore: Corona Perer

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)