Attualità, Persone & Idee

Uomini che uccidono le donne

Giornata contro la violenza sulle donne - di Paolo Mario Buttiglieri

(foto di copertina: Lucia Baldini) - I killer passionali quasi sempre sono persone di sesso maschile molto vicine alla vittima. Mariti, figli, padri. Ma perchè un uomo uccide una donna? Quasi sempre è il rifiuto della donna a fare qualcosa che il maschio pretende da lei. E cosa pretende il maschio killer da una donna? Disponibilità a fare sesso, soldi, proprietà immobiliari, comportamento da schiava e disponibilità totale a fare da badante tuttofare per il maschio padrone possibilmente gratis cioè per vocazione innata.

Questi maschi con queste attitudini al killeraggio sono stati allevati in genere da madri a loro volta succubi di maschi padroni. E' la catena della schiavitù psicologica.

Ma una donna può evitare di imbattersi in un maschio killer? Sì, deve innanzitutto evitare di essere troppo disponibile, non assecondare il proprio senso del dovere. Qualunque cosa le chieda un maschio non deve automaticamente dargliela e ricordarsi che se una cosa piace al maschio non deve automaticamente piacere anche a lei.

Il maschio comincerà a maltrattare la donna che si mostra troppo disponibile e paurosa delle sue reazioni. La paura femminile, l'ansia di accontentarlo, eccita la violenza maschile e il maschio pretenderà sempre di più e si mostrerà sempre più insoddisfatto di quello che la donna farà per lui.

Pericolosi sono anche gli uomini che una volta iniziata una relazione affettiva vogliono fare sesso anche quando le donne non lo desiderano. L'amore comporta sempre rispetto dei bisogni dell'altro, pazienza ma non repressione.

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)