Viaggi & Reportages

Made in Australia: vegvisir, la guida

Gli antichi marinai lo scrivevano sulla pelle - di Elisa & Dimitri

Vegvisir: gli antichi marinai lo scrivevano sulla pelle o sulle navi come porta fortuna: avevano bisogno di una guida, di un qualcosa che gli permettesse sempre di ritrovare la strada verso casa. VEG ha il significato di strada, e VISIR ha il significato di guida. Qualcosa di così potente da indicargli gli ostacoli durante il percorso, ma sopratutto da dare la capacità di farglieli evitare o superare, così da poter giungere incolumi alla meta.

Il titolo del mio blog che si chiama appunto "Vegvisir": vuole essere una guida e un aiuto potente in questa mia esperienza australiana, un aiuto durante il cammino per  non inciampare durante gli ostacoli, per non avere paura di rialzarmi e non smarrire in nessun caso la via giusta.

Sono sempre stata molto affascinata dalla cultura nordica: questi simboli pieni di strani girigori, dove però neanche il più piccolo simbolo è scritto con leggerezza. Ecco che un giorno, quando ancora vivevo in Norvegia, inciampo - per così dire - sull’insegna di un negozio. Non è facile provare a descrivere cos’è un "Vegvisir", la sua denominazione cambia in base alla prospettiva dalla quale lo si guarda.

“ Se qualcuno porterà con sè questo simbolo, non perderà mai la propria strada nella tempesta o nel cattivo tempo, anche se percorrerà una strada a lui sconosciuta” si legge nel racconto Islandese di Snorri Sturlusson.

Ecco cos’è un vegvisir: un elemento magico che aiuta il portatore a trovare la strada lungo il percorso della vita fisica e di quella metafisica.

In questo mio salto nel vuoto avevo proprio bisogno di qualcosa che mi aiutasse a capire che strada stessi prendendo, qualcosa che mi aiutasse in questo percorso a superare i molti tipi di ostacoli, qualcosa che mi facesse trovare il mio percorso senza mai lo smarrimento della meta. E cosa poteva aiutarmi di più di un potente simbolo magico del nord?

(Elisa, la penna - Dimitri il fotografo)

 


Autore: Elisa & Dimitri

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)