Viaggi & Reportages

Valsugana: ascolta, osserva, respira

Alla scoperta delle unicità della Valsugana

Dal 26 gennaio al 24 marzo il comprensorio della Valsugana ha attivato un nuovo prodotto invernale che testimonia la capacità di "innovare" l'offerta turistica verso dimensioni più esperienziali e immersivi. Si tratta dei week end naturali, alla scoperta delle unicità di un territorio vasto e variegato. Perchè l'inverno non è solo sci, è anche il passo lento sulla neve, il paesaggio che si riveste di bianco e muta e chiama ad una esperienza più intima.

Ecco come hanno preso forma gli 8 week-end pensati dall'APT Valsugana e Lagorai per immergersi nell’arte nella natura di Arte Sella o fare un viaggio nel tempo della Grotta del Calgeron (foto di copertina). L'idea è trascorrere due giorni in pieno contatto con la natura. E' turismo esperienziale allo stato puro dentro il fascino della natura  e dell'arte.

Da gennaio a marzo chi ha partecipato ai week-end ha potuto fare una passeggiata nella natura dormiente ad Arte Sella, progetto creativo unico che nell'arco di un cammino trentennale ha visto incontrarsi linguaggi artistici e sensibilità diverse che hanno fatto incontrare genio e mondo naturale.

Tra Malga Costa, punto di arrivo e il ristorante dell’Ersilia di Arte Sella (dove si gustano i famosi "parampampoli") anche l'offerta del buio stellato che in questo angolo di mondo è davvero totale, e rende possibile osservare le meraviglie del cielo e individuare stelle e costellazioni. Luna, nebulose, pianeti e galassie si gustano con la guida degli esperti dell’associazione EiTsa Caldonazzo. Serve essere curiosi... e previdenti: perciò abbigliamento e calzature adeguate a una serata d'inverno in montagna, oltre al frontalino.

La domenica i week end hanno previsto una gita alla Grotta che racchiude scenari da fiaba: è la Grotta del Calgeron posta sul versante orografico destro del Fiume Brenta nei pressi di Selva di Grigno dopo aver camminato per circa 30 minuti su un sentiero nel bosco, e dopo aver compiuto un dislivello circa 200 metri, per arrivare ad un laghetto da superare in canotto. Atri 400 metri e si arriva nella grotta che in inverno è più mite delle temperature all’esterno. L'organizzazione mette a disposizione il materiale tecnico necessario e la durata della visita è di circa 3 ore complessive.

Le attività sono incluse e quindi gratuite nella Valsugana Card, distribuita presso le strutture ricettive. Per chi ha perso gli appuntamenti  niente paura: probabilmente "Winter ascolta, osserva, respira" sarà ripetuto l'anno prossimo. Voi mettetelo intanto in agenda: ne vale la pena!

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Gallery

Commenti (0)