Arte, Cultura & Spettacoli

Leonardo da Vinci e la Madonna Litta

Le mostre per i 500 anni dalla morte

Il 2019 è stato l'anno di Leonardo: il genio da Vinci moriva infatti 500 anni fa. Le mostre sono state numerose e proseguono. Per gli appassionati è una ghiotta e lunga occasione per approfondire il genio leonardesco. Fino al 10 febbraio 2020 al Museo Poldi Pezzoli di Milano è in corso la mostra "Leonardo e La Madonna Litta''. Il dipinto di Leonardo da Vinci giunto in prestito dall’Ermitage di San Pietroburgo è esposto eccezionalmente per la prima volta dopo quasi trent’anni.

La Madonna Litta è strettamente legata alla città di Milano: eseguita nel capoluogo lombardo nel 1490 circa, mostra notevoli affinità stilistiche con la seconda versione della Vergine delle rocce conservata alla National Gallery di Londra.

Il dipinto è affiancato a un altro capolavoro nato da una raffinata composizione di Leonardo, la Madonna con il Bambino del Museo Poldi Pezzoli: il dipinto, eseguito verso il 1485-1487 da Giovanni Antonio Boltraffio – il migliore fra gli allievi di Leonardo a Milano – su studi preparatori messi a punto dal maestro, è accostabile, dal punto di vista stilistico, alla prima versione della Vergine delle rocce del Louvre.

Con l'occasione scienza e arte si sono unite grazie a Fondazione Bracco (che ha reso possibile la mostra insieme a Regione Lombardia e Comune di Milano) ed è stata eseguita un’articolata campagna di analisi diagnostiche su alcune opere esposte. Le analisi, coordinate dall’Istituto di Bioimmagini e Fisiologia Molecolare del CNR, hanno permesso di evidenziare i diversi modi di realizzare i disegni preparatori e i dipinti da parte degli artisti che operavano nella bottega di Leonardo, a stretto contatto fra loro, in un arco cronologico ristretto: dal 1482 al 1499, gli anni della presenza di Leonardo a Milano.

Le celebrazioni del cinquecentesimo anniversario dalla morte di Leonardo da Vinci proseguono anche ai Musei Reali di Torino,  con un nuovo percorso tematico di approfondimento in Biblioteca Reale: la mostra Il tempo di Leonardo 1452-1519 (dal 10 dicembre fino all'8 marzo 2020) Attraverso i preziosi materiali custoditi in Biblioteca, l’esposizione ripercorre oltre sessant’anni di storia italiana ed europea, un periodo di grande fermento culturale in cui si incrociarono accadimenti, destini e storie di grandi protagonisti del Rinascimento, da Michelangelo a Cristoforo Colombo, dal Savonarola a Cesare Borgia, dalla caduta dell’Impero Romano d’Oriente all’avvento del Protestantesimo e all’invenzione della stampa, eventi che mutarono per sempre il corso della storia.

Il percorso si snoda nelle due sale al piano interrato della Biblioteca Reale: il primo caveau, la Sala Leonardo, accoglie una selezione di opere di artisti italiani contemporanei a Leonardo da Vinci, accanto al Codice sul volo degli uccelli.

Nove disegni autografi del maestro vinciano accompagnano il celebre Autoritratto: è l’occasione per ammirare uno dei più noti capolavori della storia dell’arte. La seconda sala presenta manoscritti miniati, incunaboli, cinquecentine, preziose carte geografiche antiche, disegni e incisioni, affiancati da un ricco corredo didascalico, per illustrare i personaggi e i principali eventi storici occorsi durante la vita di Leonardo.

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Gallery

Commenti (0)