Scienza, Ambiente & Salute

Sentieri: quest'estate occorre fare grande attenzione

Vaia: nei prossimi mesi frane e smottamenti saranno più frequenti

Rischio diffuso: i sentieri alpini potrebbero essere pericolosi. Le dimensioni del disastro che si è abbattuto sui nostri monti in ottobre ha lasciato non solo devastazioni ma boschi fragili. L’eccezionale e devastante evento meteorologico  impone di invitare  gli escursionisti a valutare attentamente e con responsabilità le escursioni lungo i sentieri.

Piani di calpestìo deformati o erosi possono rendere estremamente pericoloso, se non impossibile, il transito lungo alcuni itinerari.

Prima di partire per qualsiasi destinazione è necessario informarsi localmente sulle condizioni effettive di transitabilità. In caso di minimo dubbio è preferibile non avventurarsi. Le situazioni di rischio, infatti, possono manifestarsi anche a distanza di tempo dall’evento che le ha innescate, anche in luoghi apparentemente immuni da sconvolgimenti del territorio e del paesaggio.

Nei prossimi mesi frane, smottamenti, schianti di alberi, piene di rivi e torrenti, saranno più frequenti e le squadre della Protezione Civile stanno già operando in ogni vallata per ripristinare i collegamenti: opera immane e ardua data la vastità della devastazione causata da Vaia

 Come mai accaduto in tempi recenti, le aree devastate e rese inagibili hanno superfici spesso ragguardevoli, vaste porzioni di territorio non sono ancora raggiungibili e di conseguenza non si può valutare un immediato aggiornamento delle informazioni sui sentieri chiusi.

La Sat del Trentino invita quindi a fare attenzione e a segnalare eventuali dissesti
sentieri@sat.tn.it  > clicca qui

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Gallery

Commenti (0)

Articoli correlati