Scienza, Ambiente & Salute

Vaia: premio a chi esbosca e ripulisce

Contributi fino a 50.000 euro per impresa

Vaia fu una tragedia: la gran parte degli alberi abbattuti erano pini e abeti e solo in minima percentuale cirmoli e larici. I danni provocati nella notte tra il 29 e il 30 ottobre 2018 per colpa delle raffiche di vento a 130 km/h , si pagano anche oggi.

Per sostenere il settore delle imprese boschive, sono state introdotte in Trentino misure che incoraggiano l'utilizzazione e l'esbosco di materiale legnoso colpito da calamità naturali, in particolare schiantato dalla tempesta Vaia, o attaccato dal bostrico:  un premio di 5 euro per metro cubo netto di legname esboscato dal 1 luglio 2020 e fino al 31 ottobre 2020, con un limite massimo pari a 50.000 euro annui per impresa.

Le domande potranno essere presentate fino al 13 novembre. Il premio si inserisce nell'ambito del "Quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell'economia nell'attuale emergenza del COVID-19" della Commissione europea.

Si tratta della prima volta che vengono finanziate direttamente le imprese per le utilizzazioni boschive effettuate, e la disciplina è da considerare temporanea, in quanto legata alla situazione di crisi provocata dalla pandemia ed in precedenza da Vaia, il tutto aggravato dalla crisi del mercato del legno.

È stata intanto intensificata la rete di monitoraggio dei parassiti nei boschi, soprattutto in riferimento al bostrico. Il progetto è seguito dall’Istituto di entomologia dell’Università di Padova.

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Gallery

Commenti (0)