Attualità, Persone & Idee

A Capriana, l'incanto del vino

15 stand per tante degustazioni

Una radura in uno dei lariceti più belli d’Europa in località Pradi, una serata estiva, 10 cantine della Valle dell’Avisio e una scelta di oltre 50 tra vini, spumanti e grappe, la musica blues di sottofondo: questi gli ingredienti dell’Incanto del Vino, uno degli eventi di maggior fascino dell’estate trentina.

Sabato 17 agosto a Capriana (Val di Cembra) ci saranno 15 stand per degustare le proposte delle aziende vitivinicole della Valle dell’Avisio. Dal tradizionale Mueller al Teroldego, dal Kerner  alRiesling, fino ai Trento Doc e alle grappe e vini in versione delicata e fruttata. Ai partecipanti verrà consegnato un calice e si potrà scegliere tra le degustazioni singole o i carnet da  5 o 10 degustazioni.

 Il sipario si alzerà alle 17.00, con l’apertura degli stand e con lo spettacolo della Banda Banda e del Gruppo ballo folkloristico di    Anterivo, ed alle 17.30 si potrà assistere ad una dimostrazione dell’arte della caseificazione. Poco prima dell’apertura della festa, un interessante incontro con un custode forestale farà luce sui segreti del lariceto, oltre a dare consigli utili ed informazioni sulla fruizione dei nostri boschi a seguito dei danni della tempesta Vaia. Alle 19.00 la Pro Loco proporrà una cena rustica a base di gnocchi alle ortiche e tagliere di affettati misti, sempre accompagnata dalle note del musicista blues Dario Defrancesco.

Regista dell’evento è la Pro Loco Capriana Dall’Aves al Corn, vivace realtà associativa locale che, oltre a organizzare eventi per tutto l’anno (i prossimi appuntamenti di rilievo  sono : la sagra del paese il 24 agosto, Carbonare in festa il 7 settembre e l imperdibile Magnatonda de Caoriana il 6 ottobre), gestisce anche un ufficio informazioni in paese aperto tutto l’ anno.

L’evento è  realizzato in collaborazione con il Consorzio Cembrani Doc , gode del patrocinio del Comune di Capriana ed  è sostenuto dalle Rete di Riserve Alta Val di Cembra Avisio e dalla Cassa Rurale Val di Fiemme

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)