Scienza, Ambiente & Salute

Ambiente: tra Jeep Camp e Quad

Sat ''Troppe aggressioni alla montagna''

La Sat aveva già preso posizione contro i quad “una vera e propria aggressione alla montagna”. Lo scorso anno venne anche redatto un documento sottoscritto dalle associazioni alpinistiche dell’area dolomitica Patrimonio Unesco tra Veneto, Regionale Friuli Venezia Giulia,  Provinciale Alto Adige ed Alpenverein Sudtirol, nel quale veniva rivolto un accorato  appello alle amministrazioni pubbliche per una netta inversione  di marcia relativamente al rilascio di autorizzazioni per raduni motoristici in zone delicate dal punto di vista naturalistico e paesaggistico.

Anche il  “Jeep Camp 2019” ha mosso polemiche, ma si è fatto ugualmente: 300 veicoli hanno invaso San Martino di Castrozza, con 200 giornalisti provenienti da tutto il mondo, a raccontare il mondo quattroruote motrici sotto le Pale di San Martino con l'intera gamma SUV del celebre marchio del gruppo Fca che faceva il pieno di foto....free. Dal punto di vista operativo il programma non è cambiato di un millimetro e la tre giorni di circolazioni su circuiti motoristici assegnati s'è fatta. Nulla potè la voce autorevole della Sat: l' invito al rifiuto nei confronti di iniziative come queste è stato ignorato.

“Nel 2017 venne sottoscritto un documento – ricorda la presidente Anna Facchini - dalla SAT - insieme dai Gruppi CAI Regionale del Veneto, Gruppo Regionale Friuli Venezia Giulia, Gruppo Provinciale Alto Adige ed Alpenverein Sudtirol, definendo il raduno dei Quad a Passo S. Pellegrino, una “aggressione alla montagna”. Da allora, ma anche relativamente ad altri eventi motoristici organizzati negli anni precedenti, non abbiamo cambiato opinione e vorremmo invitare le comunità locali a riflettere prima di concedere il nulla osta a questi eventi.

L’invito ai promotori del territorio a non considerare soltanto il mero ritorno economico è caduto nel voto, ma resta. Intanto FCA gioisce: ha una gallery di tutto rispetto sotto le Dolomiti Patrimonio Unesco. Che non ha dovuto pagare e sfrutterà grazie a qualche compiacente fotografo per i suo promo.

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)

Articoli correlati