Scienza, Ambiente & Salute

Ghiacciai, una crisi che non possiamo più ignorare

Storia di una perdita continua: appello di 11 scienziati

Lo scioglimento dei ghiacciai  è una crisi che non possiamo più ignorare e la storia di una perdita continua: per queto Mauro Gobbi del MUSE – Museo delle Scienze di Trento e Marco Caccianiga dell’Università degli Studi di Milano hanno coordinato, con la collaborazione di altri nove scienziati italiani, la stesura di un appello rivolto alla comunità scientifica e a quella politica. L’appello è stato pubblicato il 28 aprile 2021 sulla nota rivista internazionale Biodiversity and Conservation, e vuole richiamare l’attenzione dell’Unione Europea, degli enti locali deputati alla conservazione della natura e di tutti noi sulla perdita di biodiversità degli ambienti glaciali, ambienti non rimpiazzabili che stiamo perdendo per sempre.

La Direttiva Habitat, che è lo strumento adottato dall’Unione Europea per preservare e monitorare la biodiversità nel territorio degli Stati membri, include i ghiacciai tra gli habitat protetti indicandoli come “Ghiacciai Permanenti – Codice 8340”. Dei 123 siti di importanza comunitaria che al loro interno possiedono ghiacciai, il 50% si trova in Italia.

Nonostante siano molteplici gli studi che i glaciologi stanno svolgendo sui ghiacciai di tutto il mondo ad oggi rimangono poco considerati gli aspetti relativi la biodiversità che essi ospitano. I ghiacciai da più di due secoli stimolano il desiderio di avventura, di scoperta e di sfida con sé stessi di alpinisti ed esploratori. Nella percezione comune, sono elementi che caratterizzano il paesaggio d’alta quota delle Alpi, ma sono anche l’esempio più chiaro, ed emotivamente impattante, degli effetti del riscaldamento globale.

“La letteratura scientifica recente, nella maggior parte dei casi basata su studi condotti proprio sulle Alpi italiane, sta evidenziando come i ghiacciai, diversamente dalla percezione comune, sono un habitat che ospita una grande varietà di organismi, tra cui microorganismi, piante, invertebrati e vertebrati – fa presente Gobbi, ricercatore della Sezione di Idrobiologia e Zoologia degli Invertebrati del MUSE –. La maggior parte di questi organismi è specializzata a vivere sui ghiacciai e la loro sopravvivenza dipende dalla permanenza del ghiaccio. Ogni ghiacciaio ospita organismi differenti, molte specie sono endemiche, quindi esclusive, e ciascuna specie ha un ruolo chiave nel mantenere l’habitat glaciale, e quelli circostanti, in equilibrio”.

La conoscenza della biodiversità che vive sui ghiacciai è però ancora limitata, c’è alta probabilità di presenza di specie nuove per la scienza così come si iniziano ad avere evidenze di estinzioni a scala locale di alcune specie di insetti.

“Quando i ghiacciai non ci saranno più cosa avremo perso dal punto di vista biologico, e con che conseguenze?” afferma Gobbi, primo autore dell’articolo.

 

Quello che preoccupa gli scienziati è che senza una accurata conoscenza della biodiversità glaciale, e il suo monitoraggio nel tempo, non potremo capire gli effetti negativi che avrà la scomparsa dei ghiacciai sul funzionamento degli ecosistemi e quindi anche sul nostro stile di vita. Inoltre, ci sono alcuni ghiacciai che non rientrano in aree protette quindi non sono soggetti a forme di tutela. Ecco quindi che l’appello che gli undici scienziati, firmatari dell’articolo, rivolgono all’Unione Europea, così come agli enti locali deputati alla conservazione della natura, è di avviare con urgenza un piano di monitoraggio della biodiversità degli ambienti glaciali per avere strumenti volti a pianificare azioni di tutela e valorizzazione.

L'appello:
“Vanishing permanent glaciers: Climate change is threatening a European Union habitat (Code 8340) and its poorly known biodiversity” -  Biodiversity and Conservation

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)