Nella foto: Maso Carpenè in Vallagarina (Tn)
Nella foto: Maso Carpenè in Vallagarina (Tn)
Viaggi & Reportages

B&B in pole position: forte domanda di turismo open-air

Turismo e Commercio arriva l'attesa ripartenza

Sorprendentemente il prezzo conveniente non è il primo motivo della scelta per un B&B. I viaggiatori, secondo i gestori, gradiscono principalmente l’accoglienza, la tipologia di alloggio, la colazione e solo dopo il miglior rapporto Qualità/Prezzo rispetto ad altre tipologie di strutture.

Lo afferma il Rapporto B&B Italia 2020 realizzato intervistando un campione qualificato di “Bed and Breakfast” su numeri,  gestori, la struttura, gli ospiti, gli strumenti di Marketing, la colazione e infine la sensibilità alla sostenibilità ambientale.

Se il 2020 è stato l'anno nero, la ripartenza del 2021 potrebbe segnare la svolta: c'è grande domanda di trismo all'aria aperta, sostenibile, green. Il viaggiatore chiede prodotti tipici che quasi sempre i B&B privilegiano così come si è elevata la sensibilità ambientale, molto apprezzata dai clienti.

Di solto passa per piccoli gesti che vengono anche da ...esigenze di cassa: il 98,5% dei B&B Italiani fa la raccolta differenziata e utilizza degli accorgimenti ecocompatibili come le lampadine a basso consumo (94,6%), i rubinetti rompigetto (50,8%), prodotti biodegradabili e biologici (39,2% e 33,7%), pannelli solari (31,2%) e poi, in percentuali minori: vernici ecologiche, detersivi alla spina, cancelleria e carta riciclata, auto e bici elettriche.

Dalla ricerca emerge che ci sono circa 30.000 B&B in Italia che danno lavoro a circa 45.000 persone. La maggior partesi trova al Nord (50,9%); al Centro Italia sono il 27,1%, mentre quelli di Sud e Isole sono il 22%. Il 96,3% si promuove su  Internet e ben il 58,8% sostiene che buona parte dei clienti arrivi anche con il “passaparola”.

Il numero medio di pernottamenti venduti da un B&B in un anno è di circa 350, per un numero complessivo di 10,5 milioni. Il costo medio di una camera è di 66 Euro.  L’ospite tipo ha un’età media compresa fra i 25 e i 55 anni nel 92,7% dei casi e si ferma al massimo due notti (53,1%).

I Viaggiatori che dormono in B&B una sola notte sono il 18,9%, mentre quelli che prendono un B&B per 3 notti sono il 19,8%. Le percentuali di chi dorme in B&B più di 3 notti sono minime.

Il volume d’affari totale annuo dei B&B Italiani si attesta su circa 350 milioni di Euro, per una media per struttura di circa 11.600 Euro. Mediamente un B&B Italiano ha un massimo di 3 camere. La Colazione è quasi sempre inclusa nel prezzo (90,3%) ed è offerta nel 61% dei casi sia con prodotti freschi che confezionati.

Sempre più si accettano piccoli animali al seguito. Lo fa il 62% delle strutture. Gli ospiti italiani provengono principalmente dal Nord (62,9%), gli ospiti stranieri provengono principalmente da Germania, Francia e Svizzera.

E questo 2021, dopo un anno nero, potrebbe essere per loro l'anno del Boom.

 

Il rapporto > clicca

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)