Viaggi & Reportages

Feltre, borgo verticale

La cittadella ai piedi di Alboino

Racchiusa fra alti monti e arroccata su un piccolo colle, Feltre costituisce per chi arriva la prima volta  una scoperta entusiasmante: una città d'arte di pregio con una magnifica piazza in cima al colle dove il tempo sembra essersi fermato sotto le finestre del Castello di Alboino e dove il Medioevo coesiste con i fasti veneziani e con una meravigliosa quinta di loggiati che si affiancano ad un teatro palladiano.

Per la sua struttura urbanistica caratterizzata proprio dalla Cittadella murata che si inerpica sul colle dominato dal Castello  di Alboino, Feltre è Borgo Verticale ai piedi delle Dolomiti Patrimonio Unesco.

Sede del Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi, Feltre è stata teatro di accadimenti che hanno attraversato diverse migliaia di anni. La bellezza dei luoghi doveva essere evidente anche alle popolazioni che si succedettero nei secoli e che costruirono importanti architetture, immerse in un contesto ambientale notevole.

Gli scavi svoltisi nell’area sottostante al piazzale del Duomo di Feltre e nel Centro Storico dove sorge la cittadella murata, hanno restituito centinaia di reperti, alcuni ancora in studio, altri esposti al Museo Civico, ma tutti utili a definire la storia e le vicende di una importante Feltre romana.

Il reperto certamente più significativo è una grande statua del II sec. d.C., che costituisce la più  grande rappresentazione del dio della medicina di tutta l’Italia centro-settentrionale. Tale statua, rivenuta nel 1974, è dal 24 ottobre 2015 esposta nell’Oratorio dell’Annunziata.

Sotto al piazzale del Duomo è inoltre accessibile al pubblico, un intero quartiere della città romana e medievale che mette in luce una serie di aspetti di rilevante importanza nell’ambito commerciale, abitativo e religioso. L’area archeologica di Feltre, scavata tra il 1970 e il 1976, è oggi, con i suoi 1000 mq di superficie visitabile, uno dei siti.

Una pagina importante della vita di Feltre è legata a Venezia che la città ricorda con una rievocazione storica della dedizione della città a Venezia avvenuta nel 1404. Con il Palio di Feltre la città si anima con i colori dei quattro quartieri che si contendono la disputa del palio con le combattute gare di corsa, tiro con l’arco, tiro alla fune e corsa dei cavalli, sfida finale nell’anello di Pra del Moro. Molto suggestivi e pittoreschi i costumi dei figuranti del corteo storico, realizzati su modelli d’epoca. Da vedere: la prima domenica di agosto.

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)