Arte, Cultura & Spettacoli

Le tre Pietà di Michelangelo

Museo dell’Opera del Duomo dal 24 febbraio al 1 agosto 2022

Firenze, 23 febbraio 2022 - Per la prima volta un'esposizione mette a confronto, vicina l'una all'altra, nella sala della Tribuna di Michelangelo del Museo dell'Opera del Duomo di Firenze tre magnifiche opere.

La mostra ''LE TRE PIETÀ DI MICHELANGELO. Non vi si pensa quanto sangue costa'' permette di vedere l'originale della Pietà Bandini, di cui è da poco terminato il restauro, e i calchi della Pietà Vaticana e della Pietà Rondanini provenienti dai Musei Vaticani. L’esposizione fiorentina ruota intorno al recente e delicato restauro della Pietà Bandini mettendola a confronto con due calchi conservati nei Musei Vaticani, di interessanti provenienze diverse, ma che riproducono in maniera straordinaria e mirabile le altre due Pietà michelangiolesche.

A cura dei direttori dei musei Barbara Jatta, Sergio Risaliti, Claudio Salsi, Timothy Verdon, la mostra è un progetto che vede eccezionalmente coinvolti i Musei Vaticani, il Museo dell'Opera del Duomo, il Museo Novecento di Firenze, il Castello Sforzesco di Milano e le istituzioni dell’Opera di Santa Maria del Fiore, Comune di Firenze, Comune di Milano e Fabbrica di San Pietro.               

Collocate una vicina all'altra, le tre Pietà offrono l'opportunità al pubblico di vedere l'evoluzione dell'arte di Michelangelo nonché la sua maturazione spirituale, dalla prima giovinezza - quando a Roma scolpì per la Cappella dei Re di Francia nell’antica San Pietro l'opera ora nella navata laterale nord della Basilica - alla sua ultima stagione, quando, ormai vecchio, mise mano alla Pietà oggi a Firenze e poi alla Pietà Rondanini conservata a Milano.

Si tratta di un percorso lungo più di cinquant’anni, che conduce dall’ambizione del giovane che scolpì il proprio nome sul petto della Madonna della versione vaticana, dell'immedesimazione personale dell’anziano artista, che in quella del Museo dell’Opera raffigura se stesso nelle sembianze di Nicodemo. Vicino alla propria morte, Michelangelo meditava profondamente sulla Passione di Cristo, come egli stesso fece capire in un coevo disegno della Pietà, donato alla marchesa di Pescara Vittoria Colonna, dove scrisse la frase dantesca: “Non vi si pensa quanto sangue costa” (Paradiso XXIX, 91). Risultato sublime di questa meditazione spirituale fu l’esecuzione della Pietà Rondanini, la cui estrema bellezza rifulge nel tramonto della figura.

“Calchi che non sfigurano accanto all’originale fiorentino - spiega Barbara Jatta, Direttore dei Musei Vaticani - non solo perché condotti a regola d’arte ormai qualche decennio fa da maestranze competenti, ma soprattutto perché, in un’epoca di grandi discussioni sulle riproduzioni NFT (Non Fungible Token) e DOC.NFT (Digital Original Copy NFT), testimoniano della necessità che si è sempre avuta di riprodurre capolavori universali della fede e dell’arte per la loro divulgazione ad un ampio pubblico in quanto straordinari mezzi di evangelizzazione e di trasmissione di valori spirituali”.

Il confronto tra queste tre opere per Timothy Verdon, Direttore del Museo dell’Opera del Duomo: “Permette di misurare la crescita stilistica del Buonarroti nei cinquant’anni che separano la Pietà giovanile dalle altre due, e l’evoluzione assai più concentrata ma anche drammatica tra la Pietà fiorentina e quella milanese. Permette inoltre di cogliere la maturazione del pensiero di Michelangelo intorno al soggetto sacro tra la fine del Quattrocento e la metà del secolo successivo, mettendo a fuoco il nesso tra vita ed arte nello scultore credente che, per buona parte della sua carriera, era al servizio dei papi e quindi interprete privilegiato delle istanze di una Chiesa in dinamico cambiamento”.  

Per Sergio Risaliti, Direttore del Museo Novecento Firenze: “Questa mostra si tiene in un momento di eccezionale valore storico per la città di Firenze che a fine febbraio sarà teatro di un incontro di pace e di dialogo tra autorità religiose, spirituali e politiche provenienti da tutti i paesi del Mediterraneo. Un evento di enorme portata, che sarà arricchito dall’arrivo in città di Sua Santità Papa Francesco, per portare messaggi di speranza e di misericordia nei giorni in cui il mare nostrum è al centro, come mai negli ultimi decenni, degli scontri geopolitici tra potenze del mondo. E come non riconoscere nelle tre Pietà il dolore degli altri, degli ultimi che cercano un porto sicuro, giustizia e fratellanza”.

“È davvero straordinaria l’occasione di potere ammirare, accanto alla Pietà Bandini, le altre due sculture che Michelangelo Buonarroti creò nel corso della sua lunga vita pensando al tema della Pietà; attraverso l’esposizione di due calchi storici - dichiara Claudio Salsi, Direttore dell'Area Soprintendenza Castello, Musei Archeologici e Musei Storici, Milano - gli elementi di continuità e discontinuità emergono con chiarezza quando con uno sguardo d’insieme cerchiamo di cogliere l’essenza di tutta l’opera del grande scultore toscano”.

**

 

LE TRE PIETÀ DI MICHELANGELO
Non vi si pensa quanto sangue costa
a cura di Barbara Jatta, Sergio Risaliti, Claudio Salsi, Timothy Verdon
Museo dell’Opera del Duomo - FIRENZE

24 febbraio - 1 agosto 2022

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)