Viaggi & Reportages

Dopo il Soliman, ecco Liora

Nuovo light musical show a Bressanone per Natale

LIORA, dai creatori di Soliman's Dream, ha debuttato: un nuovo successo. Per la sesta volta, Bressanone Turismo presenta un esclusivo spettacolo di luci e musica nella pittoresca cornice della Hofburg. Quest'anno in condizioni di sicurezza speciali: il numero limitato di visitatori, il controllo dell'ingresso con Green Pass (dal 6 dicembre solo con il super green pass, quindi solo per vaccinati e guariti) e l'obbligo della mascherina.

Dopo il saluto ufficiale degli organizzatori e del sindaco, nella Hofburg è calato il buio. Il pubblico ha potuto seguire la storia di Liora: quando la neve ricopriva le montagne e sopravanzava l'inverno, nella Hofburg i fuochi ardevano scoppiettanti e la gioia per l'attesa della festa che si avvicinava faceva brillare gli occhi alla gente. La gente era felice e si divertiva. Per paura di perdere la gioia a poco a poco riposero in pesanti casse i ricordi belli, i sorrisi e il divertimento e li chiusero in cantina. Ben presto sul mondo calò una coltre di grigiore e la gioia sparì dai volti dei grandi come quella dei bambini. Quando anche Liora, la protagonista, si trovò a vivere un momento buio si imbatté in uno strano personaggio, Monsieur TickTack, che aiutò la ragazza a ritrovare la perduta felicità.

Segnato e scosso da una pandemia, il tema del tempo in tutte le sue forme costituisce adesso e soprattutto a Natale il fulcro dei nostri pensieri e delle nostre azioni. Dopotutto, è una grande sfida capire cosa intendiamo per tempo, e una sfida ancora più grande è decidere come passare il nostro tempo. La nostra società in generale è una società ossessionata dal tempo e dal suo scorrere. Da questo punto di vista, il tempo è un grande inganno che ci lega al passato o ci proietta nel futuro, nell'illusione di gestire ogni momento. Sentiamo di non essere mai "in tempo" o di non avere "abbastanza tempo" per ciò che deve essere fatto, e rischiamo di perdere la gioia del momento presente.

La sceneggiatura, scritta appositamente per Bressanone, esplora la questione di quanto sia inutile aggrapparsi alla felicità, rinchiuderla in casse e metterla in catene, quando la felicità non può essere catturata. Come tutto, la felicità e la gioia hanno un ciclo vitale che non può essere artificialmente prolungato. Attraverso la fiaba il pubblico è invitato ad ascoltare sé stesso, a soffermarsi e a vivere e sentire i preziosi momenti di felicità in modo consapevole e intenso.

La storia è stata scritta da Eva Kuen, una delle artiste più versatili dell'Alto Adige. Si occupa anche della regia del Light Musical. I due protagonisti della fiaba sono interpretati e recitati dagli attori di Bressanone Viktoria Obermarzoner, Anna Fink, Peter Schorn ed Emanuele Colombi. La musica  è stata composta dal compositore Stephen Lloyd. La musica emozionante e piena di sentimento è stata suonata e registrata dall'Orchestra Haydn di Bolzano e Trento con musicisti ospiti come Manuel Randi e Mario Punzi. I testi delle canzoni sono stati scritti da Arno Dejaco e si legano poeticamente perfettamente alla musica. I testi italiani sono in parte traduzioni e in parte aggiunte e sono stati scritti dal poliedrico musicista e attore Emanuele Colombi. Vera Stenico si occupa del trucco e Sieglinde Michaeler dei costumi.

La storia di Natale sarà rappresentata dal vivo tre volte al giorno nel cortile della Hofburg fino al 06.01.2022.

 

 

La sceneggiatura, scritta appositamente per Bressanone, esplora la questione di quanto sia inutile aggrapparsi alla felicità, rinchiuderla in casse e metterla in catene, quando la felicità non può essere catturata. Come tutto, la felicità e la gioia hanno un ciclo vitale che non può essere artificialmente prolungato. Attraverso la fiaba il pubblico è invitato ad ascoltare sé stesso, a soffermarsi e a vivere e sentire i preziosi momenti di felicità in modo consapevole e intenso.

 

 

A incorniciare la storia con proiezioni di luce sono i comprovati artisti della luce Spectaculaires - Allumeurs d'Images, già autori di Soliman e Natalie. Anche nell'ambito del Light Musical di quest'anno, fanno rivivere le facciate della Hofburg e stupiscono grandi e piccini con il loro genio artistico. Gli artisti sono conosciuti in tutto il mondo per la loro poesia e originalità, con la quale riescono ripetutamente a mettere in scena un'architettura unica in un modo molto speciale e che entusiasma grandi e piccini.

Liora. Il valore del tempo è una fiaba per tutti: grandi e piccini e prosegue la tradizione dei light show iniziati a Bressanone con il Soliman, l'elefante brissinese protagonista pluri-applaudito per 3 anni del videomapping nella Hofburg di Brixen-Bressanone, città che per prima ha puntato  in Italia sul videomapping. Dopo ben oltre 150.000 spettatori tra 2015 -2016, il Natale 2017 è stato l'anno del Gran finale della Trilogia dell’elefante Soliman.

La collaborazione con la compagnia di artisti francesi Spectaculaires – Allumeurs d’Images, che già si sono cimentati con grandi show alla cattedrale Notre Dame di Parigi, al Duomo di Chartres e nella Bundesplatz di Berna, prosegue dunque. Anche quest'anno luci, colori e magia abiteranno le pareti della corte del Palazzo Vescovile (Hofburg).

 

Maggiori informazioni: liora@brixen.org

Tel. +39 0472 275252

 

 

 

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)