Viaggi & Reportages

Govone, il magico paese del Natale

13^ edizione dal 16 novembre

Incastonato nelle terre del pregiato tartufo bianco, della nocciola IGP, della Barbera e del Barolo, paesaggio vitivinicolo patrimonio mondiale Unesco, Govone  è ormai per tutti il Magico Paese di Natale. Un luogo che comprende ben due soggetti annoverati dall’UNESCO tra i suoi patrimoni: Il Castello Reale di Govone e il paesaggio vitivinicolo di Langhe-Roero e Monferrato.

Il 16 novembre ci sarà l'inaugurazione della 13^ edizione con l’accensione del grande albero di fronte al castello e il concerto di Rejoicing Gospel Choir.  Si spera di ripetere i numeri della 12^ edizione ch ha segnato il record di presenze internazionali. Oltre ad aver coinvolto più di 200 mila visitatori ha visto aumentare considerevolmente la presenza dei turisti stranieri e il tempo di permanenza nelle strutture ricettive e un indotto stimato dai 26 ai 27 milioni di euro.

Grande la soddisfazione del direttore dell’Associazione Culturale Generazione, Pier Paolo Guelfo, che ha presentato a Milano alla Fondazione Palazzo delle Stelline l’evento 2019 che si sviluppa su una superficie di 45mila mq con 117 espositori  e che quest’anno è candidato ai Best European Christmas Markets come unico rappresentante per il nostro Paese.

Tra le maggiori attrattive di Govone Il Magico Paese di Natale, c'è la Casa di Babbo Natale, p uno spettacolo musicale del regista Vincenzo Santagata che si ripete dal vivo ogni quarto d’ora e quest’anno racconta la leggenda della renna Rudolph. Babbo Natale, in carne ed ossa, attende i bambini che restano sempre ammutoliti al suo cospetto.

A celebrare il Natale cristiano, quest’anno arriva un concorso dedicato ad artisti, professionisti e amanti del Presepe, collocato all’interno del Castello di Govone, tra scene di vita e antichi mestieri. “Adeste Fideles”: un’esposizione che coinvolge maestri presepai provenienti da diverse aree della penisola italiana, con particolare attenzione alla produzione artistica piemontese.

A tutto questo si aggiunge la possibilità di completare la propria esperienza natalizia sul territorio, visitando attrazioni come la Wine Experience di Mondodelvino, presentata da Enrico Gobino, Direttore Marketing del gruppo vinicolo che ha sede nella vicina Priocca e sostiene la manifestazione. Uno spazio interattivo da scoprire con tutta la famiglia, per approfondire le proprie conoscenze sul vino tra divertenti attività, giochi di abbinamento vino-cibo ed esperienze sensoriali.

La 13^ edizione de Il Magico Paese di Natale vede inoltre il grande ritorno del Treno storico con carrozze cento porte originale degli Anni ’20, in collaborazione con la Regione Piemonte e la Fondazione Ferrovie dello Stato: due corse da Torino (17 novembre) e Milano (22 dicembre) e durante il percorso i viaggiatori sono allietati da un aperitivo con le bollicine del Consorzio dell’Asti DOCG e i prodotti Valgrana.

Dal 23 novembre inoltre ciascun fine settimana è dedicato ad un tema che di volta in volta viene sviluppato; si parte dalla letteratura per bambini in collaborazione con la cittadina di Cavalermaggiore che ospita in concomitanza la Fiera Piemontese dell’editoria, passando per il Festival del Cibo con il lavoro a quattro mani con l’Assessorato a cibo della Regione Piemonte e il coinvolgimento di grandi chef del territorio come gli stellati Crippa e Palluda e le aziende di produzione che si raccontano. 

Nel tempol'evento ha collezionato partners importanti come la Saclà, grande industria dell'agroalimentare italiano di Asti,  la Baratti&Milano, altra azienda storica piemontese (160 anni proprio in questo 2018) e poi un importante "hub" del vino Mondodelvino SpA  che ha la sua sede nella vicina Priocca ed è divenuta una holding di aziende vinicole. E ci sarà anche quest'anno tra gli espositori l'Azienda Agricola Giovanna Bosco piccola impresa famigliare (che produce anche vino e miele biologico) pronta all'accreditamento come produttore bio. Ottima la sua crema sabauda, secondo l'antica ricetta del luogo.

Dal colle di Govone si domina anche il dolcissimo paesaggio delle Langhe del Roero e del Monferrato, distretto pieno di eccellenze tutto da esplorare. Ai molti ristoranti stellati del territorio (tra questi "Il Centro" a Priocca) anche molti altri che la stella ancora non ce l'hanno ma ...la meritano. E' il caso del ristorante Le Scuderie del Castello, plurirecensito da Tripadvisor,  del quale sono proprietari due valentissimi chef, Fabio Poppa e Davide Sproviero. Qui è possibile assaggiare piatti tradizionali ma di alta cucina e la nocciola d'oro, esperienza unica per il palato. Si trova nella piazza sottostante al Castello dove si fermava la carrozza del re che accedeva alle sue stanze dai cunicoli segreti sotterranei oggi occupati dal ristorante.

Chi voglia allargare lo sguardo può spingersi fino a Monforte d'Alba per l'ottima cucina dello chef Paolo Meneguz, del Ristorante Fre un locale dallo spirito essenziale e zen sorto all'interno del Reva, resort del rinomato campo da golf di Monforte. Anche lui meriterebbe la stella. Da provare gli ottimi "plin" aromatizzati alla cipolla. E nei dessert  si supera con aromi semplici e combinazioni interessanti.

 

www.magicopaesedinatale.com

Enoteca Regionale di Canale

 

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Gallery

Commenti (0)