Attualità, Persone & Idee

Tensioni 2019 alla Fabbrica dello Zucchero

Il tema di questa prima edizione: ''Geografia delle relazioni''

Estrazione, raffinazione, distribuzione. Non più di zucchero, come nel Novecento, bensì di idee, contenuti, esperienze. Suoi obiettivi: costruire progetti e relazioni ad alto tasso di innovazione, capaci di favorire lo sviluppo artistico, culturale ed economico della città di Rovigo e del Polesine. Questo è il percorso del Censer di Rovigo, da zuccherificio e poi centro tecnico-fieristico, alla sua nuova veste di polo culturale polesano,  deputato alla fruizione dell’arte, al supporto degli artisti e allo sviluppo culturale.

E' stato inaugurato il 30 aprile ed è una delle forme di rigenerazione urbana che ha preso forma a Rovigo città che crede nella cultura come volano di sviluppo economico per un territorio. Tensioni 2019, è il suo primo festival di arti e sguardi sul presente, che si terrà il 28 e 29 settembre nelle aree Censer di Rovigo.

E’ una novità assoluta presentata nella Sala Stucchi di Palazzo Cezza sede della Fondazione Cariparo, sostenitrice diretta e convinta del Festival. Il tema di questa prima edizione del Festival è Geografia delle relazioni, per sottolineare l’importanza delle relazioni umane nella società contemporanea poiché i soggetti spesso si trovano solo come individui mentre per sviluppare ragionamenti e progetti innovativi è strategico creare relazioni sistemiche.

La fabbrica dello Zucchero è una startup culturale nata da Ente Rovigo Festival ed Associazione Balletto “Città di Rovigo” che hanno riunito un gruppo di lavoro di varie provenienze professionali del mondo artistico e della comunicazione.

 

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Gallery

Commenti (0)

Articoli correlati