Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Commenti

Banche, sistema & violenza - di Marco Guzzi

Banche, sistema & violenza - di Marco GuzziUSA_QUESTA-001.jpgucraina3.jpgucraina.jpgtrader_esulta.jpggrecia_poverta_getty.jpgdida_giornale_sentire-001.jpgdefault_banche_giornale_sentire.jpg
''C'č violenza e violenza''

Temo che nei prossimi due decenni dovremo tornare a riflettere sull’uso della violenza (e quindi della guerra) nello scontro politico, sia nazionale che internazionale. Purtroppo però anche su questo tema cruciale continuiamo a brancolare quasi sempre nel buio di una confusione mentale davvero drammatica.

Propongo qualche brevissima meditazione preliminare sui veri focolai della violenza in atto e su come possiamo sperare di evitare che si scateni una nuova forma di rivolta solamente rabbiosa e distruttiva contro di essa

L'attuale struttura dei poteri forti che dominano incontrastati in questo mondo è di una violenza inaudita: la crisi finanziaria degli ultimi 5 anni lo ha solo mostrato con abbagliante e nuova evidenza: stiamo tutti scontando infatti la socializzazione delle perdite colossali prodotte da alcuni bankster (banchieri-gangster, neologismo coniato dall’Economist), per salvare i quali abbiamo sfasciato le finanze pubbliche. Da ciò ne è venuta “l’imposizione di feroci politiche di austerity a quasi tutti i paesi membri dell’Eurozona. La disoccupazione cresce, il disagio sociale si fa acuto, le sofferenze umane peggiorano: e tutto ciò accade perché all’origine l’intera collettività è stata obbligata a salvare le banche. "Mentre i banchieri non hanno pagato nulla”  scrive Federico Rampini parlando di banditis...


Inserire la password
fornita tramite l'abbonamento:



Commenti

Commenti

copello_sentire.jpg colore_rosso.jpg banner.jpg DECENNALE.jpg