Viaggi & Reportages

Sua maestà il Porcino

Fiera Nazionale del Fungo Porcino di Albareto (PR)

Tra i boschi, la vegetazione e i corsi d’acqua che si snodano sull’Appennino Parmense cresce il re dei funghi, il fungo porcino. Perla di preziose ricette e ricercato dai ristoranti, il fungo porcino cresce per oltre 5 mesi all’anno nel territorio di Albareto (PR), a quote che vanno dai 500 ai 1.600 metri di altitudine. È in questo paese di circa 2.200 abitanti che ogni autunno si celebra il rinomato prodotto dei boschi con una manifestazione diventata ormai storica e punto di riferimento in Italia.

Il 2 e il 3 ottobre si terrà la Fiera Nazionale del Fungo Porcino di Albareto. I prodotti enogastronomici tipici del territorio - primo fra tutti il Re dell’albaretese, il fungo Porcino - diventano protagonisti del mercato che invade il centro del paese, in un corollario composito di lavorazioni artigianali e convegni micologici. (Per informazioni: www.fieradialbareto.it)

L’Alta Valtaro (PR), a partire da settembre, si colora di nuances e abbraccia ben tre regioni. Lembo lussureggiante e segreto  tra Emilia  Toscana e Liguria, svela in questa stagione un patrimonio d’inestimabile valore gastronomico.

Lo sanno bene gli amanti dei miceti, che da fine agosto a fine ottobre rispondono al richiamo del Fungo Porcino di Borgotaro, il solo IGP d’Europa, e possono vivere l’esperienza unica di ricerca e raccolta. Al seguito di una Guida Ambientale Escursionistica, esperta in micologia, i partecipanti si godono una full immersion in piena sicurezza tra gli alberi e l’aria profumata di terra e corteccia, nel perimetro della riserva privata “Bosco Facile”. Il prezzo base del pacchetto – con tour su richiesta e opportunità di pranzo in trattoria tipica – è di 15 euro a persona, inclusi fino a 300 g di funghi raccolti.
(Prenotazione obbligatoria: info@7stelleviaggieturismo.it)

Altra manifestazione la Fiera del Fungo di Borgotaro, in programma l’11 e il 12 e il 18 e il 19 settembre 2021 (per informazioni: www.sagradelfungodiborgotaro.it)
 
I tanti boschi secolari di castagne che contribuiscono all’inusitata ricchezza del campionario dei profumi e dei colori autunnali dell’Alta Valtaro creano il contesto ideale per una delle novità del 2021: da quest’anno, grazie ad “ANDAR PER CASTAGNE” è infatti possibile organizzare un pomeriggio tra gli imponenti obelischi della natura, nel tempio delle frasche odorose, per raccogliere uno dei frutti più dolci della stagione in tutta sicurezza. È un’esperienza unica, perfetta per le famiglie che permette di insinuarsi tra i castagni secolari di una riserva privata al seguito di una guida ambientale. Il pacchetto è valido per un minimo di due persone, al costo di 10 euro a testa. Si pagano solo le castagne che si raccolgono (3 euro al chilo).
(Prenotazione obbligatoria: info@7stelleviaggieturismo.it, Tel: 3382581907 – 0521290106)

Non poteva infine mancare il diamante del sottobosco, sovrano incontrastato e profumatissimo della zona di Bedonia. Nel periodo tra novembre e marzo, “UNA GIORNATA DA TARTUFAIO” prevede un’escursione indimenticabile sui monti dell’Alta Valtaro, alla ricerca del tesoro dei boschi: il tartufo nero. Accompagnati da una Guida Ambientale Escursionistica e grazie alla collaborazione di Mario Marini dell’agriturismo “Il Cielo di Strela”, i partecipanti imparano a individuare, a raccogliere e perfino a cucinare i prodotti del sottobosco. Valido per un minimo di 2 e un massimo di 10 persone, il tour su richiesta è proposto al prezzo di 80 euro per la sola escursione e di 35 euro per il pranzo.
(Prenotazione obbligatoria: info@ilcielodistrela.it)

 

 

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)

Articoli correlati