Arte, Cultura & Spettacoli

Covid19 e sostegno al settore dello spettacolo

Disponibili 548.500 euro per il 2021 - Domande dal 30 marzo

Una prima buona notizia per i lavoratori dello spettacolo in Trentino: sono disponibili 548.500 euro per il 2021. E' il fondo straordinario a sostegno del settore dello spettacolo, messo in difficoltà a causa della pandemia, come altri settori del sistema economico trentino, dal blocco prolungato di molte attività e dal calo della domanda di molti beni e servizi.

Il provvedimento con cui sono state prenotate le risorse stabilisce anche criteri e modalità per la concessione dei contributi. Quest’anno – novità rispetto a quanto previsto per il 2020 - potranno beneficiarne anche i lavoratori con contratto intermittente o con lavoro discontinuo. Le domande vanno presentate dal 30 marzo al 22 aprile 2021. L’istruttoria è competenza del Servizio Attività culturali della Provincia autonoma di Trento.

Il provvedimento rientra tra le misure introdotte dalla Provincia a favore degli operatori economici, per contenere gli effetti negativi causati dall’emergenza sanitaria e per la promozione della ripresa economica del Trentino.

L’intervento economico, a fondo perduto, è stabilito come segue:

a) per singoli soggetti che operano quali professionisti nell’ambito dello spettacolo in regime di ditta individuale, partita IVA o quali lavoratori con contratto di lavoro intermittente o qualsiasi altra forma di contratto di lavoro discontinuo: 1.500 euro;

b) per gli operatori economici, anche costituiti in associazione:

- 1.500 euro, da 0 fino a 44 giornate contributive nell’anno 2019;

- 2.000 euro da 45 fino a 200 giornate contributive nell’anno 2019;

- 3.500 euro da 201 fino a 400 giornate contributive nell’anno 2019;

- 5.000 per più di 400 giornate contributive nell’anno 2019;

Per i soggetti che gestiscono sale cinematografiche: l’importo corrispondente ai mancati incassi fino ad un massimo di contributo di 20.000 euro per i soggetti che gestiscono fino a tre sale, e di 35.000 euro per i soggetti che gestiscono più di tre sale o che hanno più sale situate in comuni diversi.

 

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)