Arte, Cultura & Spettacoli

Cretto di Gibellina, arte a cielo aperto

Gibellina-PhotoRoad dal 30 luglio al 29 agosto

Il Cretto di Burri a Gibellina è una entità d'arte che oltre a fare memoria è fonte inesauribile di ispirazione per l'arte e soprattutto per la fotografia. Questa straordinaria e suggestiva realtà del nostro paese, è il contesto in cui ha preso forma un progetto spciale che mira a costituire una rete internazionale di collaborazione e scambio per promuovere la fotografia come arte pubblica, al di fuori di musei e gallerie.

E’ questo l’obiettivo del progetto “Lo spazio espositivo è a cielo aperto. Da Gibellina, una rete per la fotografia come arte pubblica”, vincitore del bando "StrategiaFotografia2020" della Direzione Generale Creatività Contemporanea del MiBACT

Il progetto è stato ideato dall’Associazione Culturale On Image, con lo scopo di creare una rete di eccellenza della fotografia, partendo dal festival di Gibellina, realtà unica nel panorama dei festival di fotografia contemporanea - e il primo open air e site specific in Italia, che quest’anno ritorna in una nuova veste dal 30 luglio- 29 agosto confermando la sua vocazione internazionale.

Il Gibellina PhotoRoad sin dalla prima edizione del 2016 ha portato in Sicilia artisti e fotografi internazionalmente noti tra i quali Joan Fontcuberta, Mario Cresci, Mustafa Sabbagh, Alterazioni Video, Moira Ricci, Tobias Zielony, solo per citarne alcuni, le cui testimonianze rimangono oggi nelle istallazioni visionarie che dialogano con la città, come per esempio la grande opera Gibellina Selfie di Foncuberta, e Andata e Ritorno di Moira Ricci nello storico Palazzo di Lorenzo, e nelle opere facenti parte della collezione fotografica della Fondazione Orestiadi, di prossima inaugurazione.

 

Parte integrante del progetto è un programma di residenze artistiche e workshop, e una call for projects che si aprirà il 6 marzo per la realizzazione di un’istallazione open air per una delle piazze principali di Gibellina, il “Sistema delle Piazze”, disegnata da Franco Purini e Laura Thermes. Tra le proposte una giuria internazionale selezionerà̀ il miglior progetto che sarà̀ allestito in occasione del festival. Dalla Call for projects saranno inoltre scelti altri 15 progetti che arricchiranno la Collezione Fotografica Permanente.

Il progetto si avvale di solidi rapporti instaurati con una prestigiosa rete di partner: Fondazione Istituto di Alta Cultura Orestiadi Onlus (Gibellina), Festival Images Vevey (Vevey, Svizzera), Comune di Gibellina, a cui si aggiungono Arts For (Milano), Associazione Plenum Fotografia Contemporanea (Catania), Festival Planches Contact (Deauville, Francia), Kublaiklan (Torino), Belfast Photo Festival (Belfast, Regno Unito).

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)