Isabella Bossi Fedrigotti

Pensieri&Parole

Isabella Bossi Fedrigotti

Giornalista e scrittrice, è da sempre una firma di punta del Corriere della Sera. Il suo esordio nella narrativa è stato con il romanzo "Amore mio, uccidi Garibaldi" (1980). Ha vissuto a Madrid dal 1993 al 1997, ora vive stabilmente a Milano. Ha vinto il Premio Campiello nel 1991 con "Di buona famiglia" edito da Longanesi. Da allora sono seguiti altri 10 romanzi tutti di successo e tradotti in varie lingue. Nata a Rovereto con nobili ascendenti (è figlia del conte Federico Bossi Fedrigotti dal quale ha ereditato con i fratelli una rinomata azienda vitivinicola) collabora con SENTIRE collabora fin dalla sua fondazione (ottobre 2007).

Acconsento al Trattamento dei miei dati Personali nel rispetto del reg. 2016/679/UE e dichiaro di avere letto l'informativa sulla Privacy
Accetto di ricevere informazioni in merito a promozioni, news ed eventi relativi a questo sito in conformità al nuovo reg. 2016/679/UE sulla Privacy

Ultimi articoli pubblicati

{image:title}
Attualità, Persone & Idee

Due religiosi mi sono piaciuti particolarmente in questo tempo in cui la religione, i suoi ministri e i suoi fedeli sembrano in grave crisi. La prima è la superiora delle suore Sacramentine di...

{image:title}
Attualità, Persone & Idee

I giornali ne avevano scritto troppo poco a suo tempo, quasi sorvolando.  Perciò mi sembra giusto ri-scrivere di Giovanni Innocenzo Martinelli, il frate francescano vicario apostolico a...

{image:title}
Attualità, Persone & Idee

Ripetutamente viene il sospetto che lei sia meglio di lui. Meno vistosa, meno trionfante, meno indiscreta, meno male acconciata, soprattutto meno aggressiva. Ha preso posizione sui bambini separati...

{image:title}
Attualità, Persone & Idee

Duecentoventi morti (ultimo bilancio revisionato) e oltre cinquecento feriti per le bombe in Srilanka, però noi parliamo quasi solo dei quaranta morti occidentali. Ok, sono più...

{image:title}
Attualità, Persone & Idee

Si stava meglio quando si stava peggio?  Probabilmente no, ma in qualche caso forse invece sì. Nella vicenda della prof innamorata del suo alunno quattordicenne (già madre di un...