Attualità, Persone & Idee

Anna Meldolesi, mai nate

Le bambine ''scomparse'' e il mondo distratto

Venti anni fa l'economista e Premio Nobel per l'economia nel 1998 Amartya Sen, calcolava in 100 milioni il numero delle bambine scomparse nel mondo a causa di negligenza, infanticidi, aborti sesso-specifici, ma anche per la selezione che porta a preferire il figlio maschio.

Un dato drammatico (del 2018) lo riporta Asia News: l’India ha 21 milioni di bambine ‘non volute’ e 63 milioni ‘mai nate’. I genitori indiani hanno una “preferenza per il figlio” e mettono al mondo bambine fin quando non generano il maschio. Sebbene banditi, sono ancora diffusi i test per la determinazione del sesso del nascituro. Ogni anno “scompaiono” due milioni di bambine per aborti, malattie e malnutrizione.

E' un fatto innegabile che tutti noi abbiamo prestato a questo dramma ben poca attenzione. L'autrice di "Mai Nate", Anna Meldolesi cerca di capire il perché di questa distrazione, di ricostruire l'intreccio tra fattori sociali e culturali, politici ed economici che ha portato al genocidio di genere, di capire se il fenomeno è rimasto confinato a Cina e India o rischia di contagiare altre regioni.

Esiste il rischio che le scelte individuali, sommandosi, determinino uno sbilanciamento complessivo del rapporto numerico tra i sessi? Il dibattito sulla selezione del sesso dei figli in Asia, ed eventualmente nel mondo, diventa inevitabilmente un dibattito sulla modernità. Il vero pericolo è il progresso tecnologico, l'arretratezza oppure l'incontro tra vecchio e nuovo? La modernità è parte del problema o rappresenta la cura? Provare a scalare queste domande, impervie e scivolose, è cruciale per capire cosa è successo e cosa potrebbe accadere.

Prima di intraprendere questo percorso, però, è necessaria una sosta sul terreno della scienza. Perché per identificare le fluttuazioni del rapporto numerico tra i sessi causate dalla selezione "innaturale", bisogna innanzitutto quantificare il rumore di fondo legato alle variazioni naturali. Questo significa muoversi nei labirinti della fisiologia della riproduzione e della biologia evoluzionistica.

    
Anna Meldolesi
Editore:    Mondadori Università
Collana:    Scienza e filosofia

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)

Articoli correlati