Viaggi & Reportages

Trento, riapre la Torre di Piazza

A partire da venerdì 29 luglio 2022

A partire da venerdì 29 luglio 2022, la Torre di Piazza, a Trento in piazza Duomo, verrà aperta al
pubblico in modo permanente con nuove opportunità di visita offerte a residenti e turisti. Apertura e visite  sono rese possibili grazie alla convenzione siglata tra il Comune di Trento, proprietario dell’edificio, e il Museo Diocesano Tridentino.

L’obiettivo è rendere accessibile con continuità il monumento, rispondendo così alle aspettative delle
moltissime persone che chiedono di poter conoscere da vicino la Torre e la sua storia. nGli appuntamenti per poter accedere allo storico monumento sono quattro al giorno e prevedono
ciascuno una visita guidata della durata di un’ora.

Con i suoi 45 metri di altezza, costituisce un simbolo inconfondibile di Trento. L’accesso è da Palazzo Pretorio, prestigiosa sede del Museo Diocesano Tridentino, che espone importanti testimonianze della produzione artistica locale dal XIII al XIX secolo. Torre e Museo si affacciano sulla splendida piazza Duomo, dominata dalla Cattedrale e impreziosita dalla fontana del Nettuno.

La Torre di Piazza fu eretta intorno alla seconda metà del XII secolo sui resti della Porta Veronensis (I secolo d.c.) e in stretto collegamento con il Palazzo vescovile. Oltre ad essere un baluardo difensivo fu adibita a scopi amministrativi e, fin verso la fine dell’Ottocento, a carcere maschile e femminile.

Fondamentale punto di riferimento per tutti i cittadini, la torre regolava il vivere civile, scandendo
con il suo orologio il tempo urbano e laico.

I biglietti si acquistano solo presso la biglietteria del Museo Diocesano Tridentino il giorno stesso della visita con l’opportunità di scegliere a quale dei quattro appuntamenti partecipare. NON è possibile prenotare la visita né si possono acquistare anticipatamente i biglietti per altri giorni se non quello corrente.

La salita alla Torre si effettua solo a piedi (ascensore non presente) superando un dislivello di 156
scalini. Per motivi di sicurezza, la visita alla torre è preclusa ai bambini di altezza inferiore ad 1 metro e 20; è sconsigliata alle persone con difficoltà motorie, ai cardiopatici, agli asmatici, a chi soffre di vertigini e di claustrofobia.

I minori di 18 anni sono ammessi solo se accompagnati da un adulto. È fatto divieto di salire con borse, zaini e/o contenitori di ogni genere o forma che dovranno essere depositati presso la biglietteria. È consentito l'uso di macchine fotografiche e videocamere. La partecipazione è subordinata alla sottoscrizione di una liberatoria con cui il visitatore, informato circa
le caratteristiche del percorso di salita alla Torre, dichiara di assumersi ogni responsabilità per
eventuali incidenti causati da comportamenti scorretti o condizioni fisiche non adatte alla visita.

 

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)