Viaggi & Reportages

Ryanair, tra promozioni e riduzione voli

Rimosso il fee dovuto per il cambio volo

Ryanair ha pubblicato  il suo operativo invernale aggiornato e ulteriormente ridotto il volume dei collegamenti portando la capacità dal 60% al 40% rispetto all’anno precedente. Ryanair prevede di mantenere fino al 65% del suo network di rotte invernali, ma con frequenze ridotte. Oltre alla chiusura invernale delle basi di Cork, Shannon e Tolosa, Ryanair ha annunciato importanti riduzioni del numero di aeromobili basati in Belgio, Germania, Spagna, Portogallo e a Vienna.

Ryanair prevede che il traffico per l'intero anno scenderà a circa 38 milioni di passeggeri, anche se questa stima potrebbe essere ulteriormente rivista al ribasso se alcuni governi dell'UE dovessero continuare a gestire in modo inefficace il trasporto aereo e imporre nuovi lockdown questo inverno.

Non mancano però le promozioni. La compagnia ha annunciato che estenderà la rimozione del supplemento per il cambio volo a tutti i clienti che prenoteranno a dicembre 2020 e gennaio 2021. Questo garantirà ai clienti Ryanair tranquillità e maggiore flessibilità nel caso in cui i loro piani di viaggio dovessero cambiare, dando loro la possibilità di riprogrammare il proprio volo (senza fee per il cambio) fino al 30 settembre 2021.

I clienti che hanno prenotano un volo a dicembre e gennaio, ma si trovano impossibilitati a partire nella date scelte, potranno modificare facilmente le date fino al 30 settembre. Le modifiche devono essere effettuate almeno 7 giorni prima della data di partenza della prenotazione originale.

23 novembre  2020

**

Ryanair, ridimensiona il personale
Emergenza COVID19: è crisi

(febbraio 2020) - Ryanair, ha annunciato la riduzione dell’organico di oltre 250 persone negli uffici di Dublino, Stanstead, Madrid e Breslavia attraverso differenti misure quali la conclusione di contratti di prova ed a tempo determinato, dimissioni e cessazioni di rapporti di lavoro, poiché le persone interessate, a causa del sostanziale calo del traffico che il Gruppo Ryanair sta affrontando nel 2020, non dovranno rientrare al lavoro il 1^ giugno, quando gli uffici di Ryanair riapriranno.

Ryanair ha operato meno dell’1% del normale operativo voli nei mesi di aprile, maggio e giugno, e questa settimana ha annunciato che ripristinerá solamente il 40% del proprio operativo a luglio 2020. Per l'intero anno, Ryanair prevede di trasportare meno di 100 milioni di passeggeri, oltre il 35% in meno rispetto all’obiettivo di oltre 155 milioni fissato per l’anno fiscale in corso che terminerá a marzo 2021.

 

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)