Attualità, Persone & Idee

Di nuovo arrestato Jimmy Lai Chee Ying

Stato di polizia ad Hong Kong che obbedisce a Pechino

E' tornato in cella, Jimmy Lai Chee-Ying, 71 anni, e questa volta per un reato fiscale legato alla sede della sua società. Ma è indubbio che si tratti della vera motivazione. L'editore cinese infatti era stato arrestato e poi rilasciato nell'estate 2020 per aver preso parte "ad attività che minacciano la sicurezza nazionale".

Il proprietario del tabloid Apple Daily torna in cella all'indomani della condanna di Joshua Wong e di altri due attivisti.

L'editore è da tempo ne mirino delle autorità. La sua colpa: essersi chierato a favore delle riforme democratiche perciò in agosto era stato prelevato dalla sua abitazione insieme ai familiari, per sospetta "collusione con forze straniere", uno dei reati punibili con pene fino all'ergastolo dalla nuova legge entrata in vigore il 30 giugno scorso. Venne poi rilasciato su cauzione.

Ora la libertà su cauzione gli è stata rifiutata per rischio di fuga: andrà a processo.

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)