Scienza, Ambiente & Salute

Zanzara tigre, come difendersi

Il controllo delle zanzare, soprattutto di quelle di origine aliena, richiede un’importante azione sinergica, coordinata e sincronizzata di enti, istituti di ricerca ma principalmente di tutti i singoli cittadini in quanto circa l'80% del territorio potenzialmente interessato è costituito da proprietà privata.

La zanzara tigre è una specie di origine asiatica. Dalla seconda metà del secolo scorso, con l’aumentare degli scambi commerciali, è cominciata la sua lenta ma inarrestabile colonizzazione di altre aree geografiche attraverso il trasporto passivo di uova.

Alla zanzara tigre bastano piccole raccolte d’acqua dolce per lo sviluppo larvale  e nel tessuto urbano delle nostre città possono essercene tante: sottovasi, posacenere, sedie, lampioni.

Ai fini della disinfestazione, si rendono necessari interventi sull’ambiente, quali trattamenti capillari, bonifiche di acque stagnanti, controllo delle discariche abusive, raccolta dei rifiuti, di fatto effettuabili solo da chi governa e gestisce il territorio, e che presuppongono una conoscenza specifica delle caratteristiche ambientali idonee alla riproduzione degli insetti.

Per rafforzare la prevenzione, favorire i flussi informativi e l'integrazione tra i vari soggetti preposti alla sorveglianza e al monitoraggio del fenomeno (APSS, comuni, Enti di ricerca) e migliorare gli strumenti di contrasto, come la disinfestazioni con i larvicidi, nonché la comunicazione con il cittadino, per divulgare le “buone pratiche” contro la diffusione della zanzara tigre, è stato sottoscritto un piano per il controllo della zanzara tigre in Trentino.  Il documento, che fornisce le linee guida per il contrasto del fenomeno, nasce da un lavoro di monitoraggio e studio coordinato dalla Fondazione Edmund Mach di San Michele all’Adige, in collaborazione con APSS, MUSE, Fondazione Museo Civico di Rovereto, Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie, FBK, Comune di Trento, APPA e Comunità Alto Garda e Ledro.

info qui: clicca

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)

Articoli correlati