Arte, Cultura & Spettacoli

Canova, Eterna bellezza

Fino al 15 marzo 2020 a Roma

"Canova. Eterna bellezza",  allestita a Roma a Palazzo Braschi (fino al 15 marzo 2020) indaga il rapporto che tra '700 e '800 legò lo scultore veneto alla città di Roma attraverso ben 170 opere - tra sculture, disegni, gessi, modellini, bozzetti, del maestro e di artisti a lui contemporanei - distribuite in 13 sezioni. Del resto quella tra l'artista e la città fu davvero una storia d'amore che il percorso può raccontare anche grazie a importanti prestiti, come quelli provenienti dall'Ermitage di San Pietroburgo.

La mostra a cura di Giuseppe Pavanello si articola in 13 sezioni l’arte canoviana e il contesto che lo scultore trovò giungendo nell’Urbe nel 1779 e si sofferma ad analizzare alcune  opere simbolo come La Danzatrice, Morte e glorificazione, Ercole e Lica e i Pugilatori ovvero il teorema perfetto della sua arte: Antico e Moderno a confronto.

Attraverso ricercate soluzioni illuminotecniche, lungo il percorso espositivo è rievocata la calda atmosfera a lume di torcia con cui l’artista, a fine Settecento, mostrava le proprie opere agli ospiti, di notte, nell’atelier di via delle Colonnette.

C'è poi il Canova, Ispettore delle Belle Arti, e la storia dei busti del Pantheon e delle opere per Roma. La mostra affronta anche il rapporto tra lo scultore e la letteratura del suo tempo: una piccola sezione è dedicata alla relazione tra Canova e Alfieri, la cui tragedia Antigone, andata in scena a Roma nel 1782, presenta più di uno spunto di riflessione in rapporto alla rivoluzione figurativa canoviana.

Fieramente antigiacobino, Canova abbandonò Roma all’epoca della Repubblica alla fine del Settecento per rifugiarsi nella natia Possagno. Dipinti, sculture, disegni e incisioni documentano in mostra quel momento che vide la fine provvisoria del potere temporale del papato con l’esilio di Pio VI Braschi., offrendo quindi anche uno spaccato di storia dell'Urbe e dell'Italia.
 

Canova. Eterna bellezza
09/10/2019 - 15/03/2020
Museo di Roma

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)

Articoli correlati