Arte, Cultura & Spettacoli

Antonio Canova e la sua eterna bellezza

''La Maddalena, Caravaggio e Canova'' (fino al 21 novembre 2021)

Nel 2022 ricorreranno infatti i duecento anni dalla morte di Antonio Canova. Il Museo Gypsotheca Antonio Canova e il Comune di Possagno hanno siglato con il Comune e i Musei Civici di Bassano del Grappa, un accordo per il coordinamento delle celebrazioni “CANOVA 2022” per promuovere la conoscenza dell’opera e dei luoghi dello scultore attraverso un’offerta culturale integrata.

Nel frattempo la Gypsotheca ospita un inedito dialogo tra  due immensi artisti, Caravaggio e Canova. Fino al 21 novembre 2021 le sale del Museo Antonio Canova di Possagno ospitano La Maddalena di Caravaggio.

«Sensualità, erotismo e complicità sono impliciti nell’idea di Santa Maria Maddalena e nella rappresentazione che gli artisti propongono nei secoli» afferma il Presidente Vittorio Sgarbi.

 

«Il soggetto della Maddalena – spiega il direttore della Fondazione Canova Onlus, Moira Mascotto – è molto ben rappresentato nel corpus di opere realizzate da Canova, sia come pittore sia come scultore: all’interno del Tempio di Possagno abbiamo la grande pala d’altare con la Deposizione dalla Croce nella quale Maddalena, posta sul lato sinistro, viene rappresentata riversa sul corpo del Cristo morto. Nello stesso periodo l’Artista ritornò sul soggetto, dipingendo una Maddalena penitente, oggi dispersa. Così avvenne in scultura e, negli ultimi anni della sua vita, Canova realizzò una Maddalena giacente: non si conosce il destino del marmo ma il Museo Gypsotheca Antonio Canova conserva sia il bozzetto in argilla che il modello in gesso. Queste due testimonianze sono fondamentali perché ci permettono di apprezzare Canova nella fase della maturità. Per il nostro Museo e per i suoi visitatori, è un privilegio poter godere della Maddalena giacente del grande Scultore in dialogo con la Maddalena in estasi di Caravaggio: i due capolavori coinvolgono e travolgono in un turbinio di emozioni l’osservatore».

 www.museocanova.it

 

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)