Viaggi & Reportages

Città di Carmagnola: tra chiese, musei e peperoni

Presentata la 72^ edizione della Fierra del Peperone: 27 agosto-5 settembre 2021

Una città mercantile le cui origini risalgono attorno all'Anno Mille. Considerata la "porta" tra Torino, le Langhe e il Roero, Carmagnola è per estensione la seconda città della provincia e da sempre città mercantile. E la città della tipografia, della canapa, del porro e del... peperone al quale dedicata una fiera che ha ormai 72 anni e che si terrà dal 27 agosto al 5 settembre 2021.

Carmagnola vanta anche un grande patrimonio architettonico e culturale. La città conta circa 29.000 abitanti e un ricco e vivace associazionismo. Ad accogliere il visitatore, nella bella e spaziosa piazza del centro, è la chiesa dedicata a Sant'Agostino.

In piazza la chiesa di Sant'Agostino. Alla sua destra palazzo Lomellini (foto cperer)

Sono i Marchesi di Saluzzo a lasciare il segno nel XII secolo: si imposero sul territorio e dominarono sino alla metà del Cinquecento edificando il castello e dando un grande impulso ai commerci e alla vita culturale e artistica. In seguito alla decadenza del Marchesato, tra alterne vicende la città venne contesa tra francesi e Savoia fino al 1691, quando Vittorio Amedeo II la portò definitivamente dentro l'orbita sabauda.

Da allora la città perse il suo ruolo militare e sviluppò la sua vocazione agricola, legata principalmente alla coltura e alla commercializzazione della canapa con manufatti esportati in grande quantità verso la Liguria e la Francia.

Di assoluto interesse il Castello che ospita la sede del Comune (XII sec.), l’Abbazia Santa Maria Assunta di Casanova (XII sec.) con chiesa, monastero e cripta di grande valore storico, Palazzo Lomellini - Civica Galleria di Arte Contemporanea (1600), l’antica Casa Cavassa (1400), il Ghetto Ebraico, la Sinagoga, molte chiese antiche e numerosi musei tra i quali l’Ecomuseo della cultura della lavorazione della canapa ed il Museo della Tipografia.

Il museo della Tipografia - fotoservizio: giornalesentire.it

 

L’agricoltura ha un ruolo fondamentale nell’economia locale e Carmagnola è divenuta nota per la coltivazione del peperone, introdotto circa un secolo fa e divenuto ben presto coltivazione di pregio.

Raccolto manualmente dalla fine di luglio rispettando il severo disciplinare di produzione del Consorzio dei Produttori, è apprezzato per caratteristiche uniche di qualità e genuinità che si prestano alle più svariate preparazioni nelle sue quattro tipologie morfologiche riconosciute: il quadrato, il trottola, il tumaticot ed il corno di bue, quest’ultimo incluso tra i presidi Slow Food e tra i Prodotti del Paniere della Provincia di Torino.

Dal secondo dopoguerra ha avuto inizio il lavoro di promozione del Peperone che è divenuto un vero e proprio marchio del territorio. Risale infatti al 1949 la prima mostra dedicata al peperone. Dal 2017 la manifestazione è divenuta “Fiera Nazionale del Peperone di Carmagnola” e avrà luogo dal 27 agosto al 5 settembre 2021.

Dopo l’edizione anomala del 2020, la 72^ edizione  torna a riproporre 10 giorni di eventi gastronomici, culturali ed artistici per tutti i sensi e per tutte le età. In un’area espositiva di oltre 10.000 mq, con 8 piazze dedicate di cui 6 enogastronomiche, 2500 posti a sedere e oltre 200 espositori, il Comune di Carmagnola presenta un cartellone con tante proposte a cavallo tra gusto, cultura e attualità, tra degustazioni, workshop, show cooking, cene a tema, street food, concerti e spettacoli di vario genere, talk show, iniziative solidali, area bimbi, una grande rassegna commerciale e altro ancora.

Questa sarà anche la seconda edizione anti-spreco alimentare grazie alla partnership con l’azienda Cuki che fornirà migliaia di piatti in alluminio prodotti con materiale riciclabile al 100%  e di Cuki Save Bag distribuite ad espositori ed esercenti della città.

Per il terzo anno consecutivo inoltre, la Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro ONLUS è charity partner con diverse iniziative dedicate a promuovere e sostenere le sue attività, tra le quali alcune belle proposte del progetto Pep-Revolution di Fata Zucchina dedicato alla salute dell’uomo e del pianeta.

Tra le special guest  ARTURO BRACHETTI, TINTO e GINO SORBILLO, GIUSY FERRERI

 Info: www.comune.carmagnola.to.it
www.fieradelpeperone.it

Carmagnola, città mercantile

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Gallery

Commenti (0)