foto: Margherita Vitagliano
foto: Margherita Vitagliano
Attualità, Persone & Idee

Tossicodipendenza: l'obiettivo del reinserimento

In Alto Adige opereranno nuove strutture residenziali terapeutiche

In Alto Adige opereranno nuove strutture residenziali terapeutiche dove le persone con dipendenze potranno essere accolte nel percorso di autonomia durante la fase di reinserimento.

­Le persone affette da dipendenza verranno sostenute anche dopo la fase acuta della malattia nel loro percorso di reinserimento in specifiche strutture residenziali. Con questo obiettivo la Giunta provinciale ha approvato, martedì 26 aprile, una delibera che intende integrare l'offerta esistente a livello provinciale per quanto riguarda le comunità terapeutico-riabilitative e la capacità di accoglineza delle corrispondenti strutture residenziali.
Il prerequisito per l'offerta appena creata è che i pazienti siano coinvolti in un progetto lavorativo o occupazionale.

"Un'offerta differenziata è fondamentale per tenere conto delle diverse esigenze a seconda della gravità della malattia", afferma Arno Kompatscher, presidente della Provincia ed assessore alla salute. È proprio nella fase di reinserimento che è necessario un supporto, altrimenti il ​​rischio di una ricaduta è molto grande. Insieme all'associazione partner HANDS, la Comunità terapeutica che ha sede in via Rencio a Bolzano viene ora integrata con nuovi posti per la cura dei pazienti con un più elevato livello di autonomia.

In Alto Adige esistono già diverse forme di assistenza alle persone con dipendenze. Nell'agosto dell'anno scorso la Giunta, con un’apposita delibera, ha posto le basi per il riconoscimento die centri terapeutici diurni come nuova forma di assistenza per i pazienti cronici. Nel contempo sono state poste le premesse per l’ampliamento dell’offerta assistenziale residenziale e del numero di posti letto. La nuova offerta dovrebbe comprendere controlli tossicologici e terapie farmacologiche oltre ad attività psicoterapeutiche e psicoeducative, ma anche culturali e ricreative nel tempo al di fuori dei progetti lavorativi o occupazionali.

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)