Attualità, Persone & Idee

Ci vorrebbe un pizzico di eresia

don Luigi Ciotti ''Vi auguro di essere eretici''

Ci vorrebbe oggi un pizzico di eresia, quella folle immaginazione che porta il pensiero apparentemente fuori strada, quel coraggio di dire che diventa un contro-canto e si erge tra la massa a indicare nuove vie per nuove soluzioni. In questo momento di crisi politica che è anche crisi di valori, occorre uscire dal teatrino e cercare l'essenziale. Ma come?
Attingiamo allora al pensiero di un uomo del nostro tempo per capire come potremmo essere e per dirci che il coraggio è sempre a portata di mano. Bisogna però saperlo praticare

 

"Vi auguro di essere eretici.
Eresia viene dal greco e vuol dire scelta.
Eretico è la persona che sceglie e,
in questo senso è colui che più della verità ama la ricerca della verità.
E allora io ve lo auguro di cuore
questo coraggio dell’eresia.
Vi auguro l’eresia dei fatti
prima che delle parole,
l’eresia della coerenza, del coraggio,
della gratuità, della responsabilità
e dell’impegno.
Oggi è eretico
chi mette la propria libertà
al servizio degli altri.
Chi impegna la propria libertà
per chi ancora libero non è.
Eretico è chi non si accontenta
dei saperi di seconda mano,
chi studia, chi approfondisce,
chi si mette in gioco in quello che fa.
Eretico è chi si ribella
al sonno delle coscienze,
chi non si rassegna alle ingiustizie.
Chi non pensa che la povertà sia una fatalità.
Eretico è chi non cede alla tentazione del cinismo e dell’indifferenza.
Eretico è chi ha il coraggio
di avere più coraggio."

(Don Luigi Ciotti)

 

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)