Attualità, Persone & Idee

Don Fortunato di Noto: la pedofilia è impunita

Il dramma 2019: 6 milioni di foto

La piaga della pedofilia non è affatto un reato circoscritto alla Chiesa, ma drammaticamete trasversale. "Il dramma degli abusi sui minori – dichiara don Fortunato Di Noto - è globale e riguarda milioni di bambini, italiani e di tutto il mondo. Un fenomeno criminale complesso, trasversale e con picchi di crescita incontrollabili.  I numeri, ne siamo consapevoli, non raccontano tutto; la realtà è sempre più orribile".

Associazione Meter Onlus (www.associazionemeter.org) raccoglie dati in tutto il mondo: denunce puntuali e documentate alle Polizie in diverse nazioni, ai Server Provider più delle volte non collaborativi. "Una quantità enorme e inverosimile  di video e foto che rappresentano violenze inaudite e indicibili (dai neonati ai preadolescenti) e il complesso traffico illecito da parte di criminali” aggiunge don Di Noto impegnato con la sua associazione da 30 anni nel contrasto agli abusi sessuali sui minori, contro la pedofilia e la pedopornografia.

Nei primi 4 mesi dell'anno 2019 sono state denunciati 5.826458 foto e 102.630 video pedopornografici di inenarrabile contenuto. Il tutto fino al 21 aprile 2019.

Rinvenuti nel web e nel deepweb, sono stati immediatamente segnalati a diverse Polizie (sia italiana che estere) e a numerosi Server Provider (chiedendo la reale collaborazione e cooperazione alle varie autorità delle rispettive nazioni) per un immediato intervento per stroncare questo traffico illecita di materiale dove rappresentano milioni di abusi sessuali già avvenuti sui minori. Il tutto è documentato. L’età dei bambini, che sono stati verificati, è tra i tre (3) e i (7-10) sette, dieci anni, in situazioni di schiavitù sessuale perpetrata e continuata. Quando parliamo di foto e video, è bene precisare che sono milioni i bambini abusati sessualmente, sia del passato che di recente.

“Le denunce, migliaia, - dichiara don Fortunato Di Noto - non sembrano avere seguito a causa della evidente indifferenza da parte dei responsabili e anche per la fattiva e mancanza collaborazione di Server Provider che, a volte si limitano a rimuovere i contenuti, ma a non fornire nessun elemento alle autorità giudiziarie, per identificare i responsabili, che non sono affatto limitati ad uno sparuto numero di perversi. Non è più tollerabile tale impunita pedocriminalità”.

“Io abusato da un prete. Mai stato bambino”, alla vigilia del Summit in Vaticano sugli abusi dei minori arriva la storia di un abusato italiano da parte di un prete italiano (ridotta allo stato laicale, in gergo spretato) pubblicata nella Rubrica del network cattolico Aleteia e curato da don Fortunato Di Noto, fondatore di Meter onlus (pionieri nella lotta alla pedofilia e alla pedopofnografia da circa 30 anni, in Italia e nel mondo).

E sul sito dell'associazione tante testimonianze come la storia, intensissima e dolorosissima, ma ricca di speranza che si può leggere qui > clicca

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)