Attualità, Persone & Idee

Fare Banca in uno scenario complesso

Convegno ''Sviluppo e sistema bancario'' - Banca Popolare di Sondrio

Venerdì 23 febbraio ore 9.30,  si terrà il Convegno della Banca Popolare di Sondrio: “Sviluppo e sistema bancario. Linee guida per un nuovo progresso” promosso da Banca Popolare di Sondrio, in collaborazione con la società di consulenza di direzione aziendale Vitale Zane & Co. (Sala Conferenze Fabio Besta in Piazza Garibaldi 16, a Sondrio).

In linea con la tradizione della Banca Popolare di Sondrio, che promuove giornate di studio e approfondimento su temi socio-economici e culturali rilevanti, anche quest’anno è proposta una riflessione sul sistema bancario e sulla sua funzione a sostegno dello sviluppo economico e sociale, con particolare riferimento al ruolo delle banche di territorio e delle banche minori.

“La giornata di studio” – spiega l’economista Marco Vitale, ideatore del programma– “chiama a raccolta alcuni dei migliori studiosi indipendenti della cultura bancaria, finanziaria ed economica del Paese, per contribuire ad aprire una nuova fase di pensiero che, ripartendo dai fondamenti, dalla storia e dallo studio dell’attività bancaria contribuisca ad identificare le possibili risposte alle reali necessità del sistema produttivo”.

Parteciperanno (programma dettagliato in allegato) in ordine di intervento: Marco Onado, massimo esperto di diritto bancario, Stefano Zamagni e Alberto Quadrio Curzio, professori di economia politica, Giacomo Pedranzini, imprenditore e amministratore delegato di Kometa 99, Giuseppe Porro, ordinario di politica economica, Anna Gervasoni, prorettore della LIUC Università Cattaneo e direttore generali AIFI e Mario Alberto Pedranzini, direttore generale e consigliere delegato della Banca Popolare di Sondrio.

Marco Onado aggiornerà e approfondirà, sulla base di ricerche originali, il confronto tra il sistema italiano e altri sistemi bancari, con riferimento particolare alle banche del territorio. Sulla necessità di ripensare il sistema bancario, le sue finalità sociali e pubbliche oltre che economiche e sul significato reale del “fare banca”, rifletterà Stefano Zamagni.

In una fase in cui l’economia richiede grandi investimenti, il sistema bancario sarà strategico per lo sviluppo e in questo contesto è importante approfondire il ruolo e le necessità delle imprese, tema che sarà argomentato da Giacomo Pedranzini.

La necessità di saper utilizzare tutte le fonti finanziarie disponibili è un’ulteriore riflessione che sarà approfondita nel corso dell’incontro: Alberto Quadrio Curzio tratterà il tema del ruolo della Banca Europea per gli Investimenti (BEI) e delle altre banche del funzionalismo istituzionale europeo, Giuseppe Porro inquadrerà il tema della rete delle BCC soprattutto per le imprese minori e Anna Gervasoni illustrerà il ruolo del capitale di rischio.

A chiusura dell’incontro sarà proposto un profilo di Donato Menichella, governatore della Banca d’Italia dal 1948 al 1960 e delle letture tratte dai suoi scritti. Restano scritte nei migliori manuali bancari le parole di Luigi Einaudi,  Governatore della Banca d’Italia:

«Le banche non sono fatte per pagare stipendi ai loro impiegati o per chiudere il loro bilancio con un saldo in utile, ma devono raggiungere questi giusti fini soltanto col servire nel miglior modo il pubblico» (aprile 1945)
(Luigi Einaudi)

Una sfida che Banca Popolare di Sondrio cerca di vivere ogni giorno nella sua pratica bancaria quotidiana.
 

foto d'archivio (convegno 2022)

 

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)

Articoli correlati