Arte, Cultura & Spettacoli

Oriente Occidente, una città per ballare

Dal 3 al 12 settembre a Rovereto

Torna dal 3 al 12 settembre 2020, per l’edizione numero 40, Oriente Occidente Dance Festival. Torna in una versione rivisitata e adattata al tempo attuale, caratterizzato da distanziamento fisico ma anche di voglia di ripartire. Performance per lo più all’aperto, pubblico contingentato nei teatri, doppie recite degli spettacoli per garantire a più persone di partecipare in sicurezza, nuove soluzioni “time specific” nate grazie all’intenso dialogo con le artiste e gli artisti durante i mesi di lockdown.

Il 40° Oriente Occidente Dance Festival giocherà sui temi di forza e fragilità, presenza e movimento, contatto e distanza, solitudine e socialità.

Gli artisti e le artiste del 40° Oriente Occidente Dance Festival saranno: Pontus Lidberg - Arkadi Zaides - Pep Ramis e María Muñoz - Marcos Morau - Merce Cunningham Trust - Luna Cenere - Daniele Ninarello - Pietro Marullo - Francesco Colaleo e Maxime Freixas - Jae Duk Kim - Michele Abbondanza e Antonella Bertoni - Michela Lucenti - Matteo Levaggi - Costas Lamproulis - Antonio Viganò - Filippo Porro e Silvia Dezulian - Cristina Rizzo.

Mesi di intenso lavoro hanno permesso all’organizzazione di rivedere il programma, adattarlo al periodo e non arrendersi, nonostante le difficoltà causate dell’emergenza sanitaria. Anche per rispondere a un’esigenza di ripartenza sia sociale che economica, l’associazione ha deciso di non rinunciare alla quarantesima edizione di Oriente Occidente Dance Festival, che tornerà a far vivere Rovereto, come ogni anno, partecipando alla ripresa economica della città e garantendo allo stesso tempo la adeguata sicurezza del pubblico, degli artisti, dello staff.

(foto di copertina: archivio 2019)

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Gallery

Commenti (0)