Attualità, Persone & Idee

Il Tweet di Erri De Luca e la beffa a Trump

Boicottare un comizio: ''segno di una nuova generazione''

Lo scrittore Erri De Luca se ne è uscito con un tweet (leggibile qui) che dice: "La beffa di Tulsa, lo svuotamento del comizio di Trump fatto con prenotazioni fasulle, è il primo successo politico di una generazione nuova, ironica e veloce".
De Luca si riferisce al fatto che il comizio elettorale di Trump nella città dell'Oklahoma è stato sabotato da ignoti, che hanno prenotato 9mila posti con l'obiettivo di lasciarli vuoti.
Un atto a dire il vero poco coerente con i valori democratici che alcuni sostengono di difendere, e un po' forse sorprende l'imprimatur dello scrittore.
Ma a ristabilire un equilibrio ci pensano gli utenti del social con i loro commenti. Due o tre quelli in accordo con De Luca. Tutti gli altri:
"Una truffa in pratica, metodi antidemocratici e moralmente scorretti, e lei li applaude anche?"
"Andiamo bene, una volta lei era una persona che consideravo degna di rispetto."
"La sua apologia di un sabotaggio restituisce la dimensione della sua statura morale."
"Nelle cabine elettorali non ci saranno prenotazioni fasulle"
"Perfettamente in linea col porettume social di cui siete gran maestri!! Bravissimi"
"E antidemocratica. Sabotare un appuntamento di un avversario politico e’ una porcata, dimostra tutta la meschinità di gente senza cultura, ne’ rispetto. Fascisti."
"Non ha perso né il pelo né il vizio. Gli anni '70 del secolo scorso per quelli come lui non sono mai passati."
"Speriamo sia veloce in tutto, in modo da non riprodursi."
"E tanti cari saluti alla democrazia. Il "nemico" in politica si combatte con argomenti più validi dei suoi... Sennò è vigliaccheria."

E tra gli ultimi "Sei entrato nella sala sbagliata. Il film che cercavi era in quella attigua"
E via così.

Lo ritengo un buon segno.

 


Autore: Manuel D'Elia

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)