Attualità, Persone & Idee

Muri del terzo millennio

Il pugno di ferro di Trump contro i clandestini

Questo muro s'ha da fare: Donald Trump non molla e anche quando le madri sono state separate dai figli con una violenza che spezza il cuore, niente lo ha turbato. Nemmeno Melania Trump, la first lady, intervenuta  sulla tensione al confine col Messico. "Melania odia vedere bambini separati dalle loro famiglie e spera che entrambi gli schieramenti possano alla fine unirsi per ottenere una riforma migratoria di successo" aveva dichiarato alla Cnn la sua portavoce Stephanie Grisham. L'intervento  riguardava la vicenda di duemila bimbi separati alla frontiera col Messico dai genitori entrati in modo illegale.

Il pugno di ferro contro i clandestini che fuggono dalle violenze dell'America centrale voluto dall'Amministrazione Trump ha suscitato riserve tra gli stessi repubblicani, indignazione tra i democratici e i leader religiosi, nonché la dura condanna dall'Alto Commissariato per i diritti umani dell'Onu, che ha denunciato la violazione dei diritti dei bambini

Il governo statunitense ha volutamente adottato politiche e prassi in materia d'immigrazione che hanno mirato a compromettere e smantellare il sistema d'asilo in vigore negli Usa, in grave violazione delle norme nazionali e internazionali: i respingimenti illegali di massa di richiedenti asilo alla frontiera tra Messico e Usa, la separazione di migliaia di nuclei familiari e il sempre maggiore ricorso alla detenzione arbitraria e a tempo indeterminato dei richiedenti asilo, spesso con diniego della libertà condizionata ne sono la forma più evidente.

“L'intensità, l'ampiezza e la dimensione delle violazioni contro chi cerca asilo sono veramente allarmanti. Il Congresso e gli organismi che si occupano della corretta applicazione della legge devono indagare in modo rapido, approfondito e imparziale" ha dichiarato Erika Guevara-Rosas, direttrice di Amnesty International per le Americhe.

Complessivamente, l'amministrazione Trump ha ammesso di aver separato circa 8000 nuclei familiari a partire dal 2017. Numeri scioccanti. L'estrema sofferenza inflitta di proposito dalle autorità Usa alle famiglie separate costituisce maltrattamenti e in alcuni casi tortura.

Foto > gentilmente fornite da Amnesty International

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Gallery

Commenti (0)

Articoli correlati