Attualità, Persone & Idee

Nato, giochi di guerra

Maestoso dispiegamento di truppe chiamato ''esercitazione''

17 maggio 2022 -  Nelle acque e nei cieli del sud Italia è  in atto “Mare Aperto 2022”, maxi-esercitazione promossa dalla Marina Militare italiana a cui partecipano oltre 4.000 militari di Italia e altri sei paesi NATO e una settantina tra navi, sommergibili, velivoli ed elicotteri. “Mare Aperto 2022” terminerà il prossimo 27 maggio.

Mentre il tragico conflitto in Ucraina miete vittime, e mentre Washington e Bruxelles alimentano le violenze inviando armi di distruzione per decine di miliardi di dollari, la NATO punta all’escalation promuovendo maxi-esercitazioni in tutta l’Europa centrale ed orientale.

Secondo il Comando Supremo dell’Alleanza alle due principali esercitazioni in corso, “Defender Europe” e “Swift Response” partecipano oltre 18.000 militari di venti paesi. “Attualmente esse si stanno svolgendo in Polonia e in altri otto paesi europei,ed includono anche lanci di paracadutisti ed assalti con elicotteri in Macedonia del Nord”, riporta la NATO.

“In Estonia, 15.000 militari di 14 paesi sono coinvolti nell’esercitazione “Hedgehog”, una delle maggiori operazioni militari mai svolte nel paese dal 1991 e coinvolgono la nave da sbarco USA Kearsarge della classe Wasp. Inoltre, l’esercitazione “Iron Wolf” in Lituania vede schierati 3.000 militari dell’Alleanza e circa 1.000 veicoli da guerra, inclusi i carri armati tedeschi Leopard 2”.

Sempre secondo la NATO, in Germania è in corso “Wettiner Heide”, un’esercitazione della Forza di Pronto Intervento alleata con 7.500 militari. Il Comando della NATO riporta infine che in buona parte di queste esercitazioni sono coinvolti reparti militari di Finlandia e Svezia, i due paesi che stanno rinunciando alla loro storica neutralità per fare ingresso nell’Alleanza.

Continua la lettura su Antonio Mazzeo blog

 

**

Defender Europe2020

7 marzo 2020 - Le esercitazioni americane in Europa più grandi degli ultimi 25 anni, denominate Defender 2020, dovevano aver inizio a marzo. Pare che l'emergenza COVID19 le abbia spostate tra aprile e maggio: 37.000 soldati  in 10 paesi della NATO centro logistico delle esercitazioni sarà la Germania.

''L’avviso strategico di questi addestramenti è dimostrare che la NATO ha la flessibilità di spostare un gran numero di truppe per fornire un'efficace deterrenza” si legge in una nota. Dunque una manifestazione di forza e di potenziale come deterrente in un mediterraneo incandescente.

La NATO non ha un ruolo nella gestione e nel comando di queste esercitazioni. Queste sono "esercitazioni americane sotto il comando americano". La Germania è uno snodo di trasporto ma le truppe saranno inviate anche in Polonia, nei paesi baltici e in Italia. Le esercitazioni Defender Europe 20 sono le più grandi esercitazioni americane in Europa negli ultimi 25 anni. Secondo il piano, militari statunitensi, insieme all'equipaggiamento, partiranno dai porti di quattro stati degli USA e arriveranno in sei paesi europei, da dove verranno consegnati con diversi mezzi di trasporto fino ai luoghi delle esercitazioni.

Una domanda: ai tempi del #coronavirus non era meglio annullare?
 

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)