Viaggi & Reportages

Valli di Comacchio, la natura liquida

Ecosistema di straordinaria ricchezza

È un luogo magico in cui ammirare il tramonto. I colori si fanno intensi nel gioco di riflessi che dal cielo toccano l’acqua, tra il mare e il percorso del Delta del Po. Le Saline di Comacchio si trovano nel cuore del Parco del Delta del Po – Patrimonio dell’Umanità UNESCO - paradiso per naturalisti, biologi, amanti della natura, che in questa area verde scoprono un universo di biodiversità. Già dall’epoca napoleonica in questa zona ampia 600 ettari si produceva sale.

Oggi è un rifugio prezioso per uccelli di diverse specie, come i fenicotteri rosa, le avocette, le volpoche e i cavalieri d’Italia, alcuni dei quali nidificano tra i paesaggi suggestivi delle Saline, rendendoli ancora più affascinanti.

È un luogo amato dai turisti, che possono partecipare ai percorsi didattici e ai laboratori per scoprire come estrarre il sale, visitare la sala espositiva, partire per escursioni a piedi o in bicicletta, esplorando le Valli di Comacchio, i suoi specchi d’acqua e le sue oasi naturali. Oppure in motonave: dalla stazione Foce comincia il percorso che conduce nei vecchi casoni di pesca, allestiti come nel passato. Un mondo marinaro e un sito naturalistico che stupisce e che in estate è al centro di coinvolgenti attività. Di recente Comacchio ha ospitato la magia travolgente del Ferrara Buskers Festival.

Consigliamo di partecipare alle escursioni a piedi con osservazione dell'avifauna ed approfondimenti sul tradizionale processo di produzione del sale. Un percorso che arriva fino alla Torre Rossa, luogo di visita e punto panoramico speciale sulla Salina, per poi passeggiare tra gli habitat degli uccelli, scoprire il processo di produzione del sale nella Salinetta didattica e sperimentare con microscopi e provette per conoscere il mondo acquatico.

Molto coinvolgenti anche le escursioni in trenino con "caccia all'oro bianco" in Salina. Gli amanti della bicicletta trovano diversi itinerari da seguire nelle Valli di Comacchio, in particolare un percorso di 7 km, che si può fare dalla stazione Foce in compagnia delle guide ambientali fino alle Saline. E si può alternare anche la barca alla bicicletta, percorrendo l’itinerario di 3 ore – fino a novembre – che parte dalla Manifattura dei Marinati di Comacchio in barca, attraversa la laguna e raggiunge la stazione Foce dove si seguono gli argini in bici fino alla Salina di Comacchio.

Attività tutte da scoprire grazie alle proposte del Consorzio Visit Ferrara www.visitferrara.eu - che unisce circa 90 operatori turistici di tutta la Provincia.

 

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Gallery

Commenti (0)